• Articolo Roma, 21 novembre 2011
  • Eventi dedicati alle vittime delle alluvioni di novembre

    L’Italia festeggia la Giornata dell’Albero

  • Concorsi, eventi in piazza e passeggiate organizzati per ricordare l’importanza del patrimonio boschivo e del verde urbano, anche come protezione dal dissesto idrogeologico, caratterizzano la seconda edizione della Giornata Nazionale dell’Albero

(Rinnovabili.it) – Gli alberi, testimoni immobili della storia e degli eventi climatici, sono oggi i protagonisti delle celebrazioni organizzate in occasione della seconda Giornata Nazionale dell’Albero. In concomitanza con l’Anno Onu delle Foreste le manifestazioni odierne sono state dedicate alla memoria di Sandro Usai,  il volontario che ha perso la vita durante le operazioni di soccorso svoltesi a Monterosso e di tutte le vittime delle alluvioni che a novembre hanno flagellato la penisola.

Gli eventi, sparsi per l’Italia, avranno in comune il senso civico del rispetto di piante e alberi come simbolo di vita e di memoria storica; per questo le manifestazioni nascono con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica pensando al verde come alleato per il benessere climatico funzionale anche nella prevenzione del dissesto idrogeologico e come patrimonio di biodiversità. Le intense piogge che si sono abbattute devastando interi paesi hanno dimostrato l’importanza della presenza di boschi e aree verdi come strumento di protezione per il territorio da frane e smottamenti.

Nate in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, con l’ANCI e d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, le celebrazioni si snodano su tutto il territorio e ogni comune aderente collaborerà impegnandosi, tra le altre cose, a piantare tanti alberi quante sono state le nascite nel corso dell’anno. Si impegnano a riconoscere e sottolineare l’importanza del patrimonio boschivo anche gli aderenti a Federparchi che ricordando il 150° anniversario dell’Unità d’Italia daranno agli eventi un carattere storico. La Federazione insieme all’Institut Klorane, coinvolgerà i 10.000 bambini delle 500 classi di scuole elementari italiane che hanno aderito al progetto di educazione ambientale “Vividaria. Piante amiche” trasmettendo loro il ruolo fondamentale delle piante come depuratori dell’aria, come elementi fondamentali per la riduzione del rischio idrogeologico e come mitigatori del clima.

Manifestazioni d’eccellenza quelle organizzate a Bologna che da anni era solita festeggiare gli alberi come elemento fondamentale della biodiversità e che quest’anni traduce il proprio impegno, avvalendosi della collaborazione di Urban Center Bologna e Fondazione Villa Ghigi, nella redazione di un vasto e vario programma eventi. Dal 12 fino domenica 27 novembre si svolgeranno passeggiate nel verde, presentazioni di libri e mostre per approfondire la conoscenza del rapporto tra l’uomo e la natura ricordando anche le importanti iniziative dell’amministrazione per la riqualificazione degli spazi verdi urbani oltre al rilancio della collina bolognese divenuta sede di importanti eventi.

A livello nazionale si svolgerà invece “Il Bosco del Respiro” nata dalla collaborazione tra Ministero dell’Ambiente, Green City Italia e Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini. Le più belle piazze italiane (Milano, Aosta, Torino, Treviglio, Brescia, Mantova, Padova, Bologna, Livorno, Macerata e Fermo, Brindisi, Palermo, Catania, Cagliari, Gorla Maggiore, Frosinone) sono state coinvolte e ospiteranno a seconda della grandezza un gruppo più o meno numeroso di alberi – il bosco – con l’obiettivo di far conoscere il ruolo delle piante nelle aree urbane, mentre accanto al bosco un punto informativo chiarirà i dubbi e le curiosità dei cittadini interessati. Alla fine della manifestazione gli alberi protagonisti in piazza verranno piantati nelle scuole. L’evento di maggiore spicco si terrà a Roma a Piazza del Popolo, dove il neoeletto ministro dell’Ambiente Corrado Clini parteciperà accanto al Sindaco Gianni Alemanno e del Presidente di Green City Italia Andreas Kipar.

A livello regionale il territorio viene coinvolto grazie all’impegno la Sezione ARPA di Forlì-Cesena e dell’Associazione Patriarchi d’Italia che, con il coinvolgimento degli istituti scolastici, ha organizzato una serie di eventi tra cui la piantumazione di alberi da frutto autoctoni nel comune di Torino, nel parco comunale di NuovaTerraviva a Ferrara e in Molise, in provincia di Campobasso.

Ma nella Giornata Nazionale dell’Albero oltre alle iniziative di piazza sono stati organizzati concorsi per ampliare la partecipazione all’evento degli studenti. Grazie all’ingegno di Fondazione Italiana Accenture e Fondazione Collegio delle Università Milanesi è nato “Forest Skill” un concorso nato con l’obiettivo di generare nuove opportunità di lavoro per i giovani attraverso l’uso intelligente del patrimonio boschivo italiano. Si tratterà quindi di raccogliere, attraverso la piattaforma tecnologica ideaTRE60 idee e soluzioni innovative e green per il corretto utilizzo del legno e del patrimonio boschivo. Anche Legambiente partecipa all’iniziativa attraverso un concorso letterario che coinvolgendo bambini e ragazzi dai 7 ai 13 anni intitolato “L’albero racconta” chiedendo ai partecipanti di scrivere un racconto che abbia come protagonista un albero secolare testimone di eventi e di secoli di cambiamenti sia ambientali che sociali.

L’impegno per l’ambiente è dimostrato da ICEI e LifeGate Planet attraverso la raccolta fondi “Foreste per le persone”, nata con lo scopo di finanziare due progetti europei di tutela ambientale, uno a Milano, uno in Amazzonia e sensibilizzare i cittadini sul ruolo che le foreste hanno nella salvaguardia della salute delle persone.