• Articolo Mumbai , 24 settembre 2012
  • Un evento di spicco mondiale

    L’India fa il punto sul nucleare

  • Riuniti nel IV vertice indiano sull’energia nucleare gli esperti di settore metteranno in evidenza criticità e punti fermi del nucleare

(Rinnovabili.it) – I leader delle nazioni che producono energia nucleare si riuniranno da domani a giovedì in India, dove discuteranno sulla sicurezza e sul mercato degli impianti ricordando quanto successo a Fukushima, in Giappone. Ospitato nella città di Mumbai al IV vertice indiano sull’energia nucleare (INES-2012) prenderanno parte i maggiori esperti del settore che discuteranno sull’impatto della produzione di energia atomica in relazione con i moderni bisogni e con le prospettive future, valutando il rapporto rischio-guadagno e tenendo sempre ben vivo il ricordo dell’incidente avvenuto nel marzo 2011 al reattore della centrale giapponese.

Alla riunione prenderanno parte rappresentanti ed esperti di organizzazioni internazionali e paesi all’avanguardia in questo settore, con particolare attenzione a mantenere l’industria come una valida opzione tecnologica e sicura, per smentire la crescente sfiducia della popolazione nei confronti del nucleare.

Con la rapida espansione dell’industria nucleare, l’India presenterà le proprie esperienze e risorse in questo settore, per contribuire alla sforzo globale di dare una nuova dimensione ai prossimi progetti nucleari, hanno riferito gli organizzatori dell’evento. Sesta dopo gli Stati Uniti, Francia, Giappone, Russia e Corea del Sud per potenza nucleare l’India punta ad avere una capacità installata di 20.000 MW entro il 2020 e, in 25 anni, portando da 3,2 a 9% il valore del contributo dell’atomo nella capacità di produzione elettrica in un paese dove la maggior parte della popolazione ancora non è raggiunta dalla rete energetica nazionale e dove i ripetuti black-out costringono all’utilizzo di generatori inquinanti e candele.