• Articolo Pompei, 15 marzo 2013
  • Un progetto del Consorzio Nazionale Imballaggi

    CONAI implementa la raccolta differenziata a Pompei

  • Verrà presentato domenica alle 11 il progetto di implementazione della raccolta che CONAI ha organizzato per il parco archeologico di Pompei

(Rinnovabili.it) – Riqualificare gli scavi di Pompei anche attraverso la gestione corretta della raccolta differenziata. Questo l’obiettivo del progetto che CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, sta avviando con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, della Regione Campania, del Parco Nazionale Vesuvio e di Legambiente Campania.

Il progetto verrà presentato domenica, e saranno illustrate, durante le tappe di un press tour itinerante, le modalità di potenziamento del servizio all’interno dell’area archeologica.

 

«Il progetto di potenziamento della raccolta differenziata negli Scavi di Pompei e nel Parco Nazionale del Vesuvio realizzato dal CONAI – spiega il Presidente Roberto De Santisrientra in un più vasto programma di supporto per le aree in ritardo prevalentemente del Centro-Sud che il Consorzio persegue già da qualche anno.  Mi preme ricordare, tra le altre iniziative, il Piano di Fattibilità per Roma Capitale, portato a compimento di recente, finalizzato ad incrementare i livelli quantitativi e qualitativi della raccolta differenziata nella Capitale del Paese: un impegno sostenuto direttamente dal Ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Roma e Pompei – conclude il Presidente del CONAI – rappresentano due luoghi simbolo dell’Italia nel mondo.  Esse costituiscono solo i due esempi più noti fra le realtà locali con le quali il Consorzio ha collaborato per lo sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggi  durante i suoi quindici anni di attività. Un impegno “civile” di una “istituzione privata” quale è CONAI».