• Articolo Rotterdam, 14 febbraio 2013
  • 13 i team italiani in gara

    Rotterdam presenta la Shell Eco-marathon 2013

  • A maggio 13 team italiani si sfideranno sul circuito cittadino della nuova edizione della Shell Eco-marathon Europe 2013

(Rinnovabili.it) – Saranno ben 13 i team italiani, provenienti da 10 istituti, che dal 15 al 19 maggio prenderanno parte alla Shell Eco-marathon Europe 2013. Obiettivo della competizione percorrere in città l’equivalente in chilometri della distanza che separa Rotterdam da Mosca con un solo litro di carburante, impresa che sembra impossibile ma che invece si sta rivelando uno stimolo per gli oltre 211 team provenienti da 23 paesi che si sfideranno su strada.

Con l’intento di superare i record in materia di efficienza energetica e gareggiando divise in due categorie – la futuristica Prototipi e la più tradizionale UrbanConcept – le auto progettate e realizzate dai team sono alimentate sia con carburanti tradizionali come benzina, diesel, etanolo e GTL, sia carburanti alternativi come l’elettricità.

 

Partecipando l’Italia metterà in pista 9 veicoli nella categoria “Prototipi” e 4 nella categoria “Urban Concept” che percorreranno il circuito urbano con la speranza che l’evento replichi i numeri della scorsa edizione, quando oltre 40mila spettatori assistettero alla gara. Peter Voser, CEO di Royal Dutch Shell ha affermato: “Dopo aver vissuto la Shell Eco-marathon Europe lo scorso anno, sono rimasto impressionato ed ispirato dal modo in cui gli studenti hanno rapidamente adattato i propri veicoli al nuovo circuito cittadino. Attraverso la creatività di una nuova generazione di ingegneri e la partnership con la città di Rotterdam, il nostro obiettivo è quello di dimostrare il talento europeo nella progettazione di approcci innovativi per affrontare le sfide energetiche del futuro”.

La novità dell’edizione 2013 è la fusione della categoria Solare e della Battery Electric segno di un’industria automobilistica che sta cambiando. Accanto alla gara anche una serie di incontri tra circa 500 esperti di settore che potranno confrontarsi trasferendo competenze e know how in modo da rendere più veloce e completa la transizione delle città verso la mobilità sostenibile.