• Articolo Padova, 16 febbraio 2012
  • Schüco Italia sostiene l’edizione 2012 del Premio Galileo

  • Brovazzo: “La cultura e la formazione scientifica sono basilari per sviluppare l’innovazione. Doveroso stimolare le nuove generazioni alla conoscenza e alla bellezza della tecnologia”

(Rinnovabili.it) – Cosa ha che fare un’azienda leader nel campo dell’involucro edilizio ad alta efficienza energetica e di soluzioni per lo sfruttamento dell’energia solare con un riconoscimento letterario legato alla divulgazione scientifica? Lo spiega Roberto Brovazzo, Direttore Generale di Schüco Italia, azienda che per il secondo anno consecutivo ha deciso di sostenere il Premio Galileo: “La cultura scientifica ha bisogno di essere sostenuta (e dovrebbe esserlo ancora di più da parte delle istituzioni) e il Premio Galileo è un’ottima iniziativa per stimolare nei giovani il desiderio di studiare e confrontarsi con quei  contenuti del sapere scientifico che tante soddisfazioni hanno dato in passato in termini di brevetti, di fortuna e di grandezza della nostra nazione. Sempre di più saranno infatti le competenze tecniche specialistiche il terreno sul quale si giocherà la sfida dell’economia del futuro”.

Il riconoscimento letterario, giunto alla sua sesta edizione, s’inserisce in un programma di diffusione della cultura scientifica che il Comune di Padova promuove da alcuni anni con l’intento di favorire nei giovani l’interesse per le scienze e il pensiero razionale anche nella prospettiva del loro futuro percorso di studi. “Sapere che così tanti ragazzi sono interessati e appassionati di scienza – continua Brovazzo  – è per me motivo di soddisfazione. Schüco Italia è un’azienda che vanta una reale leadership nel campo della green technology proprio grazie allo sviluppo di soluzioni innovative realizzate per migliorare la qualità della vita nel rispetto dell’ambiente. Il cuore e il motore del nostro lavoro è quindi guardare al futuro e accrescere le competenze tecniche necessarie per renderlo concreto”. In questo contesto si inserisce la collaborazione con l’Università di Padova, nata per sviluppare nuove sinergie derivanti dall’incontro tra le competenze altamente tecniche di una azienda con la multidisciplinarietà dell’approccio didattico-scientifico.