• Articolo Roma, 22 ottobre 2015
  • SERR 2015: la parola d’ordine è dematerializzazione

  • Giunta alla settima edizione, la SERR torna ancora una volta in tutta l’UE per promuovere la corretta riduzione dei rifiuti

SERR 2015: la parola d’ordine è dematerializzazione

 

 

(Rinnovabili.it) – Ha preso il via ieri per concludersi il prossimo 29 novembre la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti – SERR 2015, l’evento nato per sensibilizzare circa le strategie e le politiche di prevenzione dei rifiuti. Giunta alla settima edizione, la SERR torna ancora una volta in tutta l’UE per promuovere la corretta riduzione dei rifiuti coinvolgendo la più ampia partecipazione possibile, dagli enti pubblici ai cittadini passando per imprese e stakeholder. Il tema scelto per questo 2015 è la dematerializzazione, “ovvero  – spiega il Ministero dell’Ambiente attraverso il proprio sito – come fare più con meno”. “Il crescente successo dell’iniziativa – continua il MISE – ha portato nel 2014 i 27 Paesi partecipanti a mettere in campo circa 12.000 azioni, di cui 5.643 solo in Italia (record europeo per il quarto anno consecutivo)”. Come sempre, anche per il 2015 l’obiettivo sarà coinvolgere il più possibile pubbliche amministrazioni, associazioni e organizzazioni no profit, scuole, università, imprese, associazioni di categoria e cittadini a proporre azioni volte a prevenire o ridurre i rifiuti a livello nazionale e locale.

 

L’elevata quantità di rifiuti prodotti ogni anno in Europa infatti, ostacola il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile che essa stessa si è posta. L’UE-27 nel 2011 ha prodotto una media di 503 kg di rifiuti urbani a persona; la quantità ovviamente varia da Stato membro a Stato membro, arrivando in alcuni casi anche oltre 700 kg/ pro capite. Inoltre la gestione sta migliorando troppo lentamente e rimangono enormi discrepanze in termini di prestazioni. In particolare alcuni Paesi inviano ancora dal 90% al 100% dei propri rifiuti in discarica. Allo stesso modo, i sistemi di raccolta e riciclaggio selettivi in alcuni Stati membri sono ancora in una fase embrionale. In media, solo il 40% dei nostri rifiuti solidi viene riutilizzato o riciclato, il resto è interrato o incenerito.

 

SERR 2015: la parola d’ordine è dematerializzazione

 

E’ quindi essenziale favorire e promuovere i primi 3 livelli della gerarchia dei rifiuti: prevenzione, riutilizzo e riciclo.

La “Settimana” – nata all’interno del Programma LIFE+ della Commissione europea – ha scelto non a caso il tema della dematerializzazione, cioè la riduzione o l’eliminazione dell’uso di materiali nello svolgimento di una funzione, nell’erogazione di un servizio, e/o la sostituzione di un bene con un servizio. Un esempio è la digitalizzazione dei documenti e l’informatizzazione dei processi e delle comunicazioni (es. il pagamento di bollette online, l’acquisto di biglietti elettronici ecc.), ma anche la condivisione di uno stesso bene fra più persone con il conseguente passaggio dal possesso all’utilizzo (es. il car sharing). Alla dematerializzazione è indirettamente riconducibile anche il miglioramento dell’efficienza con cui si utilizzano le risorse materiali grazie, ad esempio, al riutilizzo di un bene, all’eliminazione o all’alleggerimento di un imballaggio ecc.

Un Commento

  1. pierluigi biagioni
    Posted ottobre 27, 2015 at 8:02 pm

    Fino a quando i supermercati venderanno più imballaggi che merce, latte in plastica, un etto di prosciutto in plastica, 80 grammi di tonno in barattolo..ecc… non se ne uscirà MAI !!!!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *