• Articolo Milano, 5 dicembre 2012
  • Fondazione Italiana Accenture lancia il concorso “ARS. Arte che realizza occupazione sociale”

    Un concorso per valorizzare l’occupazione sociale sostenibile

  • Un milione di euro per l’idea multimediale che meglio saprà generare posti di lavoro “sostenibili” per i giovani, valorizzando il nostro patrimonio artistico e puntando sulla tecnologia digitale

(Rinnovabili.it) – In occasione degli “Stati Generali del Volontariato Sociale”, il Convegno tenutosi a Milano lo scorso lunedì, la Fondazione Italiana Accenture ha lanciato un interessante concorso con l’obiettivo di stimolare la produzione di idee progettuali riguardanti i settori di architettura, pittura e scultura in grado di proporre servizi e prodotti volti a generare occupazione sociale sostenibile tra i giovani, utilizzando come asset il patrimonio artistico italiano.

Da sempre impegnata nella promozione dell’innovazione tecnologica e manageriale a favore dello sviluppo sociale e culturale, la Fondazione Italiana Accenture è una realtà senza fini di lucro, che svolge un ruolo di catalizzatore intellettuale ed economico aperto a tre ambiti principali: sviluppo sostenibile, educazione dei giovani, conservazione e fruizione del patrimonio artistico e culturale.

Dal titolo “ARS. Arte che realizza occupazione sociale”, il concorso è rivolto a tutti i soggetti del cosiddetto “Terzo Settore”, giovani, studenti, appassionati di arte e di cultura, startupper, talenti della rete, ma anche centri di ricerca, associazioni, cooperative sociali e fondazioni, mettendo in palio per il primo classificato addirittura 1 milione di euro.

I progetti dovranno essere finalizzati a:

  • aumentare i visitatori del patrimonio artistico scelto
  • rendere accessibili e visitabili parti del patrimonio artistico che oggi non lo sono
  • ampliare i servizi culturali rivolti ai visitatori (visite guidate, laboratori didattici, ecc.)
  • rendere disponibili servizi sul web
  • rafforzare l’integrazione del patrimonio artistico con il marketing territoriale (ricettività, trasporti, eventi, ecc.)

Sarà possibile candidarsi fino al 25 marzo 2013 semplicemente registrandosi alla piattaforma ideaTre60.

Una giuria online provvederà ad effettuare una preselezione delle proposte, mentre sarà compito di una Giuria offline quello di decretare i 5 vincitori che, oltre ad una somma in denaro, avranno anche la possibilità di ricevere il supporto della Fondazione per la realizzazione del business plan della propria idea. L’attuazione del progetto da 1 milione di euro sarà invece affidata all’ente no profit indicato dal proponente o affidata ad un ente terzo.