• Articolo Roma, 24 dicembre 2019
    • I consigli di WWF per un Cenone di Natale tradizionale ma sostenibile

    • Spiega l’associazione: “A prescindere da gusti e tradizione, ciò che importa è fare una spesa sostenibile, scegliendo solo prodotti che rispettano il pianeta”. Ecco i prodotti ok e quelli invece da evitare

    Più che alla linea, per il Cenone di Natale guardiamo ad ambiente e benessere animale

    (Rinnovabili.it) – Il tempo stringe ed la sera del 24 dicembre si avvicina: è il momento di fare la spesa e mettere nel carrello tutto ciò che serve per la preparazione del cenone di Natale. C’è chi al cappone non sa rinunciare e chi invece alla carne preferisce il pesce o, meglio ancora, un bel piatto vegetariano a base di lenticchie. A prescindere da gusti e tradizione, ciò che importa è fare una spesa sostenibile, scegliendo solo prodotti che “rispettano il pianeta”. Non è semplicissimo, ma WWF ci viene in aiuto con qualche utile consiglio. 

    Il primo è ovviamente quello di evitare i prodotti vietati per legge, uno su tutti i datteri di mare, la cui pesca in Italia è proibita dal 1988. In generale, ci ricorda comunque il WWF, anche per il cenone di Natale evitiamo quelle “prelibatezze” dietro le quali si nascondono gravi sofferenze patite dagli animali, come ad esempio il patè de foi gras (il patè di fegato d’oca). 

    La scelta migliore rimane senza dubbi quella vegetariana o vegana, ma attenzione: anche in questo caso è bene scegliere i prodotti “giusti”, cioè locali e stagionali. Evitiamo di contro cereali, legumi  ed ortaggi coltivati a migliaia di chilometri di distanza e, come nel caso dell’avocado e della quinoa, spesso responsabili di gravi danni all’ambiente e ai coltivatori.

    Leggi anche: “Pesca sostenibile: passi avanti per la tutela del Mediterraneo”

     

    Ai non vegetariani, l’ONG chiede invece di ridurre il consumo di carne, soprattutto quella bovina, e di preferire a quelli esotici prodotti ittici dei nostri mari, purché ovviamente appartenenti a specie non a rischio e pescati con metodi non dannosi per l’ecosistema marino. “Il WWF – si legge sul sito della ONG –  lavora da anni per ridurre gli impatti negativi delle attività di pesca su clima, specie, ambiente e persone ed è sempre più fondamentale che noi consumatori facciamo le scelte giuste per garantire un futuro ai nostri mari- spiega Eva Alessi, responsabile consumi sostenibili e risorse naturali di WWF Italia –. “Basta pensare che il Mediterraneo è il mare più pescato al mondo: qui circa l’80% degli stock ittici monitorati è sovrapescato”. In generale comunque possiamo fare attenzione a non scegliere specie sovrasfruttate. Il WWF ne indica alcune: prima tra tutte proprio l’anguilla, oggi classificata come ‘in pericolo critico’ nella Lista Rossa IUCN, il gradino immediatamente precedente l’estinzione. Insieme a lei lo smeriglio, la verdesca e il palombo (tutte specie di squali che necessitano di protezione perché minacciati dall’impatto della pesca eccessiva), il pescespada, il nasello, la cernia, le alici (ebbene sì anche loro sono al collasso) e la rana pescatrice”. 

    Al loro posto potremmo scegliere per il cenone di Natale specie locali meno conosciute  – e quindi poco richieste  – come il sugarello, il tonnetto alletterato, il tombarello, la lampuga, la ricciola e la triglia di scoglio. Vanno bene anche molluschi come vongole, cozze e ostriche; tra i crostacei il gambero bianco (se proveniente dal Mediterraneo occidentale e dall’Adriatico) e la pannocchia.

    Ultimo ma non ultimo, anche in occasione del cenone di Natale, evitiamo gli sprechi. “Ogni anno, vista l’abbondanza che caratterizza le feste, i rifiuti aumentano del 30% – sottolinea Eva Alessi- . Essendo il 2019 l’anno del plastic free e della sostenibilità ambientale, anche il Natale segue questo filone. Riduciamo quindi gli sprechi a tavola: stiamo attenti a conservare bene quello che acquistiamo e a non buttare quello che avanza”.

    Leggi anche: “Spreco alimentare, il problema è nelle nostre case”

    Tutte le News | Cultura
    Circular Evolutions23 dicembre 2019

    Al MUSE si accende l’installazione diffusa di Circular Evolutions

    Le  405 casette realizzate da Eni ed Eni gas e luce e ideate dallo studio Mario Cucinella Architets approdano al Museo delle Scienze di Trento

    oceano17 dicembre 2019

    The Future of Marine Life in a Changing Ocean: come l’oceano è cambiato e quali sono i rischi

    Edito da World Scientific Pub Co, il libro dell’oceanografa Debora Iglesias-Rodriguez indaga fenomeni e meccanismi responsabili dei mutamenti nell’ecosistema oceano. L’autrice fornisce importanti spunti per meglio comprendere – e risolvere – l’urgenza della crisi climatica

    © Lorenza Daverio10 dicembre 2019

    A Milano aprono le Nuove Gallerie di Leonardo, genio dal pensiero sostenibile

    Studi e ricerche consegnano la figura di un uomo pienamente immerso nel suo tempo, attento alla natura e all’uomo

    rifiuti10 dicembre 2019

    Abyss Cleanup, la serie tv sui rifiuti marini che inquinano i nostri fondali

    Prodotta in collaborazione con PopCult Docs e la consulenza scientifica di Menkab, la seria firmata dal videomaker palermitano Igor D’India punta i riflettori sui rifiuti che inquinano i fondali di Sicilia e Liguria.

    alberi di natale09 dicembre 2019

    Confagricoltura: gli alberi di natale veri sono una scelta sostenibile

    Scegliere alberi di natale veri e certificati fa bene all’ambiente ed al nostro patrimonio forestale. La corretta e autorizzata potatura delle cime è infatti essenziale per la salvaguardia dei boschi e del territorio

    Giovani e futuro nel Rapporto 2019 della Fondazione Visentini06 dicembre 2019

    Giovani e futuro nel Rapporto 2019 della Fondazione Visentini

    Presentata alla LUISS la Ricerca della Fondazione Bruno Visentini Il divario generazionale e il reddito di opportunità – III Rapporto 2019

    Public domain license06 dicembre 2019

    “A Natale puoi…scegliere”: Mercatino Solidale di Artigianato