• Articolo Nuova Delhi, 19 marzo 2019
    • Un murales fatto di smog, il Climate Art Project approda in India

    • L’opera, realizzata dall’artista italiano Andreco a Nuova Delhi, raffigura in maniera simbolica il percorso che fanno i contaminanti atmosferici e le emissioni climalteranti

    smog-murales-nuova-delhi

     

    Nella città più inquinata del mondo lo smog diventa arte per dire basta ai cambiamenti climatici

    (Rinnovabili.it) – Rappresentare in un disegno l’inquinamento atmosferico utilizzando un inchiostro realizzato con lo smog. È questa la trovata alla base dell’opera che porta la firma dell’artista visivo italiano Andreco, che a Nuova Delhi ha realizzato un gigantesco murales di 300 metri quadrati, la cui inaugurazione è stata accompagnata da una performance collettiva per dire stop all’inquinamento e ai cambiamenti climatici. La presentazione della curiosa opera d’arte coincide con la Climate 05 – Reclaim Air and Water in Delhi, quinta tappa del Climate Art Project, il progetto itinerante ideato da Andreco e partito da Parigi nel 2015, in occasione della COP21, per poi approdare in Portogallo, a Venezia per le Biennali di Arte 2017 e Architettura 2018, e quindi in India.

     

    >>Leggi anche Qualità dell’aria: Nuova Delhi è la capitale più inquinata al mondo<<

     

    Per la realizzazione del murales di smog, Andreco si è ispirato non solo alle ricerche scientifiche e ai dati ufficiali in tema di ambiente e clima diffusi da IPCC, NASA, NOAA, CNR e dagli indiani NEERI (National environmental Engineer Institute) e CSE (Centre for Science and Environment), ma anche a letture di libri e scritti di Amitav Ghosh, Vandana Shiva e Sunita Narain. Il dipinto è una visualizzazione artistica dei dati sull’inquinamento e delle soluzione “nature based” per alleggerire l’impatto umano. L’opera raffigura in maniera simbolica il percorso che fanno i contaminanti atmosferici e le emissioni climalteranti, dalle industrie, dal traffico e dai roghi di stoppie e rifiuti verso un ambiente pulito e salubre. Per rendere ancora più forte il messaggio veicolato nel dipinto l’artista ha scelto di impiegare l’Air-Ink, il primo inchiostro prodotto da Graviky Labs, a partire dalla fuliggine di carbone rilasciata delle automobili.

    Oltre all’inaugurazione dell’opera d’arte, durante la quinta tappa del Climate Art Project a Nuova Delhi sono stati organizzati anche un talk, in cui si è discusso di cambiamenti climatici e problemi ambientali locali, e una parata, che ha coinvolto la popolazione locale con canti, slogan e bandiere realizzate dallo stesso artista, per concludersi proprio di fronte al grande murales di smog.

     

    >>Leggi anche Qualità dell’aria: Nuova Delhi è la capitale più inquinata al mondo<<

     

    La scelta di Nuova Delhi come sfondo dell’evento è quanto mai significativa. È la città con i livelli più alti di inquinamento atmosferico al mondo, che negli ultimi mesi ha toccato molte volte il record di concentrazione di PM2,5, con serie ripercussioni sulla salute degli esseri umani e dell’ambiente. Un inquinamento che non riguarda solo l’aria, ma anche le risorse idriche: “Il fiume Yamuna che scorre a Delhi – spiegano gli organizzatori in una nota stampa – è in condizioni di inquinamento estremo. I fiumi Yamuna e Gange considerati luoghi sacri per gli indiani hanno ottenuto dalla corte indiana diritti legali comparabili a quelli degli esseri umani, ma, paradossalmente, sono tra i corsi d’acqua più inquinati della terra”. Il progetto è una delle iniziative dell’urban art festival St+art Delhi 2019 ed è prodotto da St+art India Foundation, con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura di Delhi e il supporto di Asian paint, Air Ink e altre organizzazioni.

    Tutte le News | Cultura
    svalbard decalogo04 febbraio 2019

    Passione, ironia, competenza: la comunicazione ambientale secondo Studio Kairòs

    Insigniti con il premio speciale Rinnovabili.it, i ragazzi dello Studio Kairòs si sono fatti conoscere al grande pubblico mettendo in scena il decalogo di sopravvivenza delle isole Svalbard.

    riciclo12 dicembre 2018

    Il riciclo incontra l’arte: dalla sostenibilità alla solidarietà

    All’asta il murale di Luca Barcellona, dedicato al legno e al tema del suo riciclo. Il ricavato a favore delle associazioni non profit del territorio.

    “La Terza Rivoluzione Industriale” all’Università di Salerno04 dicembre 2018

    “La Terza Rivoluzione Industriale” all’Università di Salerno

    Proiettato presso l’ateneo salernitano il film  dedicato a Jeremy Rifkin

    brain+27 settembre 2018

    Maker Faire Rome presenta Brain+, il futuro nello sguardo del cinema

    Quattro film dedicati al rapporto tra uomo, robotica e IA per scandire il conto alla rovescia verso la più grande manifestazione europea dedicata all’innovazione

    Qualità dell'aria17 settembre 2018

    A Milano la bici che fa bolle, rivela la qualità dell’aria

    L’artista tedesco Martin Nothhelfer ha attraversato Milano in sella alla sua altissima bicicletta, dotata di un congegno che misura la qualità dell’aria, emettendo bolle di sapone dove l’aria è pulita oppure fumo dove è sporca

    Io sono cultura 201825 giugno 2018

    Io sono cultura 2018, bellezza e creatività per lo sviluppo

    Creatività, bellezza, competitività, innovazione: dai numeri del Rapporto Io sono cultura 2018 emerge un’immagine positiva dell’Italia

    platea (1)20 giugno 2018

    Pensare sostenibile, pensare al futuro

    Sostenibilità come sinonimo di futuro, innovazione sociale, coesione e creazione di valore. Ma soprattutto vuol dire superare la dimensione ambientale