• Articolo Roma, 28 maggio 2019
  • Houseboat, la slow amica dell’ambiente

  • Navigare lentamente nelle acque interne per apprezzare la natura e la cultura del nostro territorio. Non occorre patente e da recente Houseboat.it produce anche la prima a trazione elettrica

Houseboat

 

(Rinnovabili.it) – Lo potremmo definire lo slowtravel della nautica. Il turismo fluviale si basa sul matrimonio tra “lentezza” e “immersione nella natura”, un mix che costituisce la vera essenza della filosofia di questo modo di far vacanza. Semplici, ma straordinari valori che oggi iniziano ad interessare anche gli italiani, in scia con quanto accade già da molti anni nei Paesi nord europei e in Canada.

Mentre si vive a bordo un’esperienza a “quattro stelle”, avendo  a disposizione tutti i confort della nostra casa, si procede lentamente in un contesto spesso con grandi valenze ambientali, come un parco naturale, o un fiume immerso nei boschi o nelle coltivazioni.  Capita anche di attraversare paesi o piccole frazioni dove poter attraccare liberamente, scendere a terra, e vivere con un approccio originale le tante realtà locali che arricchiscono il nostro Paese. Spesso poi, accanto ai canali o ai fiumi, corrono piste ciclabili che permettono a chi naviga in houseboat di utilizzare le biciclette, trasportate a bordo, quando il natante è ormeggiato o, addirittura, contemporaneamente alla lenta navigazione. Un motivo ulteriore di interesse per questa formula di turismo fluviale è che è davvero una vacanza per tutti. Non serve esperienza, non serve patente nautica, non servono specifiche capacità tecniche per condurre, in tutta sicurezza, la propria imbarcazione. Ciò è dovuto alla limitata velocità dei natanti, al fatto che le condizioni meteo non influiscono sulla navigazione come in mare – siamo sempre in acque interne – ed alla assoluta mancanza di rollio e beccheggio dell’imbarcazione.

 

“Un’esperienza in Houseboat – dice Carlo Moretti CEO di Houseboat.it – è caratterizza da tre valori fondamentali: il relax, che si prova navigando in spazi aperti e tranquilli, avventura e dinamismo in quanto condurre la barca da soli, con il proprio equipaggio, è sempre una piccola avventura quotidiana alla scoperta ogni giorno di nuove emozioni e di nuove esperienze.  Dobbiamo però premettere che per sviluppare anche in Italia questo settore le Amministrazioni Pubbliche dovrebbero garantire un miglior livello di manutenzione del territorio. Pensate che attualmente in Italia la media di frequenza di imbarcazioni in idrovie è di appena 1 ogni 10 km. In Francia, nel Canal du Midi, il rapporto è di 1 ogni Km”.

 

Houseboat

 

Un altro motivo per il quale abbiamo testato volentieri questa formula di vacanza è costituito dal fatto che la società Houseboat.it, che produce il modello Minuetto e gestisce il servizio di noleggio, sta sperimentando per la prima volta in Europa un’imbarcazione da diporto ibrida, denominata Minuetto Hybrid. Essa è dotata di due motori, uno elettrico per la trazione, e un generatore termico per la ricarica delle batterie.  Scommessa ambiziosa ed affascinante in quanto questa soluzione consentirebbe di limitare ulteriormente l’impatto della navigazione nelle aree protette o in ambienti delicati come, ad esempio, la laguna di Venezia. Una risposta concreta e virtuosa del settore alla transizione energetica.

Come noto le tecnologie legate alla trazione elettrica e all’accumulo energetico sono particolarmente mature e non abbiamo dubbi che, alla fine di questa fase sperimentale, anche questa soluzione potrà essere introdotta massicciamente nel mercato, anzi farà probabilmente da apripista nel settore mondiale del turismo fluviale. Siamo rimasti inoltre colpiti dalla dinamicità di questa azienda, che investe molto sull’innovazione e sulla ricerca di nuove soluzioni di turismo, ad esempio come un modello in funzione già da tempo, il Minuetto 6+, la prima houseboat senza barriere architettoniche concepita appositamente per le persone con disabilità fisico-motorie.

 

 

 

Abbiamo provato una breve crociera a bordo dell’Houseboat

HouseboatLa nostra crociera è partita dalla base di Casale sul Sile (TV), situata a pochi chilometri da Treviso e raggiungibile facilmente in auto, in treno e in aereo.

La prima parte della navigazione è stata di grande interesse dal punto di vista naturalistico: quattro ore di navigazione immersi nel parco naturale del fiume Sile, un’esperienza totalizzante in un contesto straordinario per la biodiversità e per lo spettacolo di alcune ville venete affacciate sul fiume. Dopo il passaggio dell’unica chiusa del nostro viaggio, siamo entrati nel Canale Silone, dove il paesaggio è cambiato repentinamente diventando piatto e regolare per l’attraversamento di alcune paludi frequentate, per la nidificazione, da numerose specie di uccelli acquatici. Siamo già in vista di Venezia, ma prima ci attende l’isola di Burano, immersa in un’atmosfera irreale, fatta di casette colorate e simmetriche che si affacciano su tranquilli canali attraversati da piccole imbarcazioni locali. Sull’isola sono presenti centinaia di artigiani che offrono, all’interno delle loro botteghe, i prodotti della tradizione veneta. Avendo il privilegio di poter trascorrere la notte in banchina, a bordo di un’imbarcazione privata, abbiamo potuto vivere quest’isola anche di sera, quando il flusso di turisti improvvisamente si è interrotto con l’ultimo traghetto lasciandola tutta per noi, silenziosa e coinvolgente.

 

Particolarmente suggestivo è anche il vicino Monastero di S.Francesco del deserto, uno stupendo insediamento medievale gestito dall’Ordine dei Frati Minori che provvedono all’accoglienza degli ospiti – è possibile essere ospitati nella loro foresteria – e a gestire le visite interne all’isola. Siamo ormai nei pressi di Venezia, che raggiungiamo dopo una breve navigazione, dove possiamo vivere l’emozione di navigare con la propria imbarcazione nel canale della Giudecca, sfilando lentamente davanti la piazza di S.Marco e nel traffico dei tanti battelli che lo percorrono in tutte le direzioni.

 

Per mantenere la nostra crociera lontana dal caos, abbiamo deciso di evitare una visita in città optando per una tappa nell’isola di S.Erasmo, la più grande della laguna dopo quella di Venezia, rinomata per le sue coltivazioni e per i vigneti in un contesto di intensa bellezza naturale.

Anche in questo caso notte in banchine, in una calma surreale, davanti alle luci di Venezia e delle tante isole della laguna. Inizia la tratta di rientro, dove notiamo che, nonostante si ripercorre lo stesso itinerario, il punto di vista diverso di 180° ti fa apparire il contesto nuovo e inesplorato, regalandoti quasi ad ogni ansa del fiume Sile una nuova scoperta.

 

 

QUANTO COSTA IL NOLEGGIO

  • Una settimana in houseboat costa da 2600€ a 3400€ per 8 persone per sette giorni: in sostanza circa da 350€ a 450€ a persona in relazione alla stagione.

  • Una barca a motorizzazione tradizionale utilizza circa 160 lt di diesel in 25 ore, ovvero circa 7 lt/h. Il costo del carburante va aggiunto a quello del noleggio. Nella versione ibrida il consumo di carburante è approssimativamente dimezzato, in quanto consuma circa 3.5 lt/h di nafta del generatore ausiliario.

 

MINUETTO HYBRID

La barca è Omologata “CE”, ed ha ottenuto la classificazione “C” grazie ai suoi parametri di robustezza e sicurezza in navigazione.

 

Scheda tecnica

  • Posti letto: 8+2 (4 cabine + salone)
  • Numero bagni: 3
  • Serbatoio di acqua: 800 L
  • Frigorifero: 1 x 300 lt
  • Dimensioni: 13,80 x 4,20 mt

 

Immagine

 

Sistema di propulsione e  manovrabilità

  • La barca è dotata di 2 motori elettrici da 15 kW per rispondere ai parametri di sicurezza e di ridondanza.
  • Un sistema di supercondensatori da circa 15 kW di accumulo massimo a 48V, in grado di erogare potenza in full electric ai 2 motori il cui consumo è di circa 7kw/h. Nel caso di necessità il sistema può funzionare congiuntamente ad un generatore di sicurezza a gasolio.
  • La ricarica è tramite colonnina o generatore, ma collaborano anche i moduli fotovoltaici di bordo.
  • Sistema di manovra con doppia elica di spinta laterale a prua e a poppa, attivabile con un Joystick, in grado di far ruotare la barca su sé stessa o di muoversi lateralmente in fase di ormeggio;
  • Sistema di rilevamento del fondale che avvisa, tramite allarme,  dell’avvicinamento a secche e bassofondo.

 

Interni

  • Camere2 cabine con letto matrimoniale fisso e 2 cabine con 2 letti singoli che possono essere trasformati in letto matrimoniale. Nuovi materassi a comfort migliorato e taglia dei letti sempre superiore a 200cm di lunghezza. Prese USB e 220V disponibili in ogni camera;

  • Bagni: 3 locali bagno completi di servizio igienico elettrico automatico, lavabo e doccia con accesso esclusivo dalle cabine di poppa. 1 locale ad uso esclusivo di doccia a prua, un servizio igienico separato;
  • Dinette: comodamente convertibile in letto matrimoniale grazie agli innovativi pistoni a gas. Visibilità esterna migliorata grazie alle nuove vetrate panoramiche che rendono l’ambiente luminoso e arioso. Accesso diretto al flybridge dalla sala;
  • Cucina: equipaggiata con ogni comfort, dal grande frigorifero di tipo domestico al piano cottura elettrico, un forno microonde di grande dimensione, e, per la prima volta in una houseboat, una comoda lavastoviglie.

 

interni houseboat

 

Comfort a bordo

  • Un potente generatore di corrente garantisce la produzione di energia anche se in sosta al di fuori del porto o della darsena.

  • Un doppio sistema di pompa di calore garantisce l’aria condizionata ed il riscaldamento;
  • Grazie al potente inverter è possibile utilizzare a bordo il phon, il computer, una Tv portatile a qualsiasi altro elettrodomestico.

 

Per maggiori informazioni: www.houseboat.it  

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *