• Articolo Strasburgo, 6 febbraio 2018
    • Riforma dell’ETS, troppi favori a chi inquina?

    • Il Parlamento europeo approva in via definitiva la legge sulla riforma del mercato del carbonio. Ma il testo non è esente da scappatoie per i grandi inquinatori e punti critici

    Riforma dell'ETS

     

    L’europarlamento approva la riforma dell’ETS europeo

    (Rinnovabili.it) – Dopo l’accordo informale con i ministri del Consiglio UE, la plenaria di Strasburgo approva formalmente la riforma dell’ETS (Emission Trading System), il sistema di scambio emissioni comunitario a cui devono sottostare gli impianti ad alta intensità energetica. Con 535 voti favorevoli, 104 contrari e 39 astenuti, gli eurodeputati hanno accolto oggi il testo finale della legge che cercherà, innanzitutto, di accelerare il ritiro delle quote di CO2 in eccesso dal mercato. Il provvedimento rappresentata, infatti, il tentativo dell’Unione Europea di sanare il proprio mercato del carbonio, indebolito negli anni da un eccesso di crediti e prezzi della CO2 troppo bassi.

     

    Per arrivare a una riforma dell’ETS che accontentasse tutti, ci sono voluti mesi di negoziati. L’accordo informale, raggiunto a novembre 2017, ha messo nero su bianco le principali novità (Leggi anche Riforma mercato del carbonio: c’è un (deludente) accordo UE). Novità che oggi sono state semplicemente riconfermate dall’Europarlamento.

    La prima riguarda il fattore di riduzione lineare, ossia il ritmo di riduzione delle quote da immettere nel mercato annualmente, che passa da 1,74% a 2,2% a partire dal 2021; la percentuale verrà aumentata nel corso del tempo. Inoltre viene raddoppiata la capacità con cui il Market Stability Reserve (MSR), la riserva stabilizzatrice del mercato di carbonio, assorbirà le quote in eccesso, in maniera da rafforzarne i prezzi. Una volta attivato, toglierebbe dalle aste fino al 24% dei crediti in eccesso ogni anno, per i primi quattro anni.

     

    “L’ETS rimane la pietra angolare della nostra politica europea per combattere il cambiamento climatico. Abbiamo fatto del nostro meglio per concordare una riforma ambiziosa”, commenta al termine della votazione la relatrice Julie Girling (ECR, UK). “L’ETS ha avuto parecchi detrattori nel corso degli anni. Abbiamo affrontato molti problemi – da un prezzo del carbonio chiaramente troppo basso per far funzionare il mercato fino alla questione estremamente difficile di raggiungere l’equilibrio tra le nostre ambizioni ambientali e la protezione dell’industria europea ad alta intensità energetica”.

     

    Ma è proprio su questo equilibrio che molti storcono il naso. Il provvedimento mostra ancora diversi elementi critici, come ad esempio l’assegnazione di quote di CO2 gratuite a quelle imprese a rischio delocalizzazione “a causa delle politiche di riduzione delle emissioni” o come dei tempi d’azione troppo lenti.

    C’è anche la questione del nuovo fondo per l’innovazione, creato con la legge sulla riforma dell’ETS, che prenderà il posto del NER300. Non se ne conoscono ancora le dimensioni, ma il fondo sarà alimentato con le entrate di almeno 400 milioni di crediti di carbonio. Le risorse allocate serviranno da un lato a promuovere le tecnologie rinnovabili, dall’altro quelle legate alla cattura e stoccaggio delle emissioni (CCS). Il sogno di quello che viene chiamato impropriamente “carbone pulito” dunque, non abbandona l’UE neppure dopo le ultime promesse di decarbonizzazione, in casa con il Pacchetto Energia pulita per tutti, a livello mondiale con la ratifica dell’Accordo di Parigi. E non sembra neppure scoraggiata dai grandi insuccessi europei che seguono il CCS: gli Stati membri avevano in programma di realizzare dodici impianti di cattura del carbonio in Europa entro il 2015. Programma (quasi) completamente disatteso per gli enormi investimenti richiesti da questa tecnologia.

    Tutte le News | Econormativa
    sacchetti di plastica biodegradabili03 gennaio 2018

    I sacchetti di plastica biodegradabili fanno discutere l’Italia

    In rete esplode la polemica sull’obbligo di acquisto dei sacchetti di plastica biodegradabili negli esercizi commerciali. Ecco perché la norma non piace agli italiani

    Fondo nazionale efficienza energetica29 dicembre 2017

    Fondo nazionale efficienza energetica: firmato il decreto

    I ministri Calenda e Galletti siglano il provvedimento attuativo. Il fondo sarà gestito da Invitalia. Inserita una specifica sezione dedicata all’ecoprestito

    Impianti geotermici avanzati28 dicembre 2017

    Impianti geotermici avanzati e incentivi, Regioni chiedono più tempo

    Via libera dalla Conferenza delle Regioni e Provincie autonome al decreto inerente la verifica degli obblighi per gli impianti geotermici che utilizzano le tecnologie avanzate al fine di ottenere gli incentivi

    C’è l’accordo sulla Direttiva EPDB: edifici a energia quasi zero al 205020 dicembre 2017

    C’è l’accordo sulla Direttiva EPDB: edifici a energia quasi zero al 2050

    Semaforo verde per la nuova direttiva sull’efficienza energetica negli edifici. Modificata la proposta iniziale nei capitoli riguardanti l’elettromobilità e le strategie nazionali

    dibattito pubblico20 dicembre 2017

    Il governo svuota il decreto sul dibattito pubblico

    Dal DPCM sul dibattito pubblico scompaiono oleodotti, gasdotti, centrali chimiche e nucleari. Tutte le infrastrutture energetiche sono indiscutibili?

    cotton fioc microplastiche nei cosmetici19 dicembre 2017

    L. Bilancio: stop cotton-fioc “non bio” e microplastiche nei cosmetici

    Italia prima al mondo a mettere al bando, dal 2019, la commercializzazione dei bastoncini di cotone per le orecchie non biodegradabili

    direttiva rinnovabili 203019 dicembre 2017

    Direttiva rinnovabili 2030: i Ventotto si accordano sul minimo sforzo

    Il Consiglio UE adotta la posizione negoziale sulla nuova legislazione energetica per il 2030. Tutti d’accordo un target del 27% per le rinnovabili e per una quota più ampia di biofuel di prima generazione