• Articolo Nairobi, 11 giugno 2012
  • Sostenibilità a tempo di musica

    La colonna sonora di Rio+20

  • In attesa di Rio+20, Artists Project Earth lancia l’album “Rhythms del Mundo”, per diffondere un messaggio di sostenibilità

(Rinnovabili.it) – Poco più di una settimana prima che i governi del mondo si incontrino in Brasile per il vertice Rio +20, alcuni dei più grandi nomi della musica si sono riuniti nello stesso studio di registrazione per inviare al mondo ed ai decisori politici in primis un messaggio speciale. Il risultato è contenuto nell’album “Rhythms del Mundo Rio+20”, lanciato lo scorso 5 giugno in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente. Tredici sono le tracce contenute nel disco e cantate da artisti di fama mondiale come Bob Dylan, Sting e U2, oltre al remix di una canzone cubana, “Spirit of the Forest”, incisa originariamente in occasione del primo Vertice della Terra circa 20 anni fa, da una serie di artisti del calibro di Kate Bush, Lenny Kravitz, Gilberto Gil, Donna Summer, Beach Boys e molti altri. Coordinata dal Artists Project Earth, l’iniziativa ha già visto, in precedenza, la pubblicazione di tre album i cui ricavi sono serviti a sostenere 300 progetti ambientali in tutto il mondo.

La copertina dell’album è stata disegnata da Charlotte Sullivan, vincitrice dell’UNEP International Children’s Painting Competition Winner, che definisce così il suo lavoro: “Vorrei esprimere la necessità di tutti di dover agire. La figura nella mia pittura rappresenta l’inattività dei governi e delle aziende di tutto il mondo. Sullo sfondo, i colori rosso, arancio e giallo, rappresentano le centrali elettriche a combustibili fossili e il riscaldamento del pianeta, mentre quelli che dovrebbero agire si riparano dietro un ombrello. Ombrello che illustra un mondo che viene rovesciato dal vento. La mia speranze è che ognuno di noi inizi a prendersi cura dell’ambiente”.