• Articolo Genova, 26 febbraio 2013
  • Accelera semplificazione urbanistica per i nuovi impianti rinnovabili

  • Ddl giunta cancella l’obbligo di deroga al Piano paesistico

Energie rinnovabili, la Regione Liguria accelera  la semplificazione  per le autorizzazioni energetiche rinnovabili. Nei prossimi mesi, comunque entro la fine dell’anno, la realizzazione di nuovi impianti con sarà più subordinata a una deroga al Ptcp- Piano territoriale di coordinamento paesistico regionale. Grazie a una proposta di variante approvata in mattinata dalla giunta Burlando, presentata dall’assessore alla Pianificazione Territoriale e Urbanistica Gabriele Cascino, la situazione sarà in pratica rovesciata: gli impianti energetici si potranno insediare  in tutte le parti del territorio regionale, con esclusione dei centri storici, delle strutture urbane qualificate,  nella aree con beni culturali e artistici e archeologici, chiese, monumenti e a forte impatto paesaggistico e in quelle a tutela ambientale. Il piano paesistico regionale, di fatto, non sarà più un impedimento per gli impianti energetici, fatti salvi, oltre ai  casi indicati, eventuali vincoli comunali.

L’ obiettivo del disegno di legge è ridurre  ulteriormente le limitazioni alla realizzazione degli impianti eolici, fotovoltaici e idroelettrici e dar un forte impulso  alle energie rinnovabili per poter arrivare al 14,1% al 2020”, ha spiegato Cascino.
Il testo della variante della giunta regionale  sarà adesso inviato ai comuni che entro sessanta giorni potranno fare eventuali osservazioni, dopodiché la variante sarà adottata e approvata con una delibera e opererà  in regima di salvaguardia fino alla definitiva approvazione da parte del Consiglio Regionale.