• Articolo Gland, 11 gennaio 2012
  • J. Leape (WWF): “Sostenibilità necessaria per un’economia sana e duratura”

    Ambiente compromesso dalla crisi economica

  • Il WWF International intima alle istituzioni finanziarie internazionali di sostenere una transizione “verde” dei Paesi economicamente travagliati

(Rinnovabili.it) – Per superare l’attuale crisi finanziaria globale è necessario trovare soluzioni sostenibili capaci di conservare il capitale naturale su cui si fonda la maggior parte delle attività economiche. Questo l’ammonimento del WWF che, in una lettera inviata al Fondo Monetario Internazionale (FMI) e alla Commissione Europea, sottolinea come la crisi, oltre a essere legata a una cattiva gestione delle finanze nazionali, è il riflesso di un modello di sviluppo economico costruito su un eccessivo sfruttamento delle risorse naturali. Partendo dall’analisi del caso della Grecia, il WWF ha spiegato come la salute dell’ambiente sia strettamente legata alle problematiche politiche e sociali.

Con l’approvazione nel 2010 del programma di aggiustamento economico, infatti, co-finanziato da FMI, Commissione Europea e Banca Centale Europea, il Paese ha vissuto significative battute d’arresto ambientale, tra le quali l’abolizione del fondo verde, l’adozione di normative ambientali piuttosto permissive, la riduzione dei controlli su investimenti di grandi dimensioni, il supporto a fonti non pulite di energia (compreso il carbone), lo smantellamento delle istituzioni di governance ambientale e il ridimensionamento degli addetti al settore negli enti pubblici. Una situazione che secondo il WWF è inaccettabile e potrebbe seriamente compromettere il nostro futuro. Da qui il richiamo a coloro che questa situazione l’hanno persino sostenuta economicamente. “Le istituzioni finanziarie internazionali – ha dichiarato il Direttore del WWF International, Jim Leape – devono rivedere le loro politiche di prestito e sostenere la transizione dei Paesi economicamente travagliati verso un percorso di sviluppo che sia ecologicamente e socialmente sostenibile”. Per l’organizzazione ambientalista, infatti, la sostenibilità deve essere un pilastro su cui si fonda la costruzione di un’economia sana e duratura.