• Articolo San Diego, 3 settembre 2019
  • Batterie organiche fatte di proteine, la nuova frontiera energetica

  •  Utilizzando polipeptidi sintetici, alcuni  ricercatori hanno compiuto i primi passi verso la costruzione di elettrodi per batterie proteiche

batterie organiche

Credit: Pxhere under Creative Commons CC0

 

Batterie organiche a base di amminoacidi per alimentare i biosensori in maniera sostenibile

(Rinnovabili.it) – Le proteine sono elementi essenziali per i muscoli ma in un futuro non troppo lontano potrebbero “dare forza” anche al sistema energetico. Il come lo spiega un gruppo di ricercatori al lavoro su nuove batterie organiche a base di polipeptidi (i “mattoni” delle proteine) con cui sostituire l’attuale tecnologia a ioni di litio. Il team ha scelto, infatti, di impiegare poliammidi sintetici e altri polimeri per creare degli elettrodi. “In questo momento, la tendenza nel campo dell’accumulo a batteria è quella di esaminare il modo in cui gli elettroni vengono trasportati all’interno di una rete polimerica“, spiega Tan Nguyen, ricercatore della Texas A&M University che ha contribuito a sviluppare il progetto. “La bellezza dei polipeptidi è che possiamo controllare la chimica attraverso le loro catene laterali senza cambiare la geometria dell’elemento centrale, o la parte principale della struttura, esaminandone sistematicamente gli effetti”.

 

>>Leggi anche Impianti d’accumulo: lo storage mondiale toccherà i 2,8 TWh nel 2040<<

 

Le attuali batterie agli ioni di litio possono danneggiare l’ambiente e, poiché il costo del loro riciclaggio è superiore rispetto alla loro produzione da zero, spesso si accumulano in discarica. Lo sviluppo di una batteria a base di proteine, spiegano gli scienziati, cambierebbe questa situazione.

I ricercatori hanno costruito il sistema usando elettrodi composti da nerofumo e sintetizzando polipeptidi contenenti viologeni o 2,2,6,6-tetrametilpiperidina 1-ossile (TEMPO), molecole redox-attive. Quindi hanno hanno legato i viologeni alla matrice usata per l’anodo e il polipeptide contenente il composto TEMPO al catodo, che è l’elettrodo positivo. I primi test effettuati mostrano per ora un potenziale adatto ad applicazioni a basso consumo energetico, come i biosensori, ma il lavoro è solo all’inizio. Grazie ai nuovi peptidi, Nguyen sta ora collaborando con diversi colleghi  della Texas A&M University, per costruire i prototipi di batterie organiche vere e propri. Parte di questo lavoro includerà test per capire meglio come funzionano i polimeri quando sono organizzati su un substrato.

 

I ricercatori hanno presentato i loro risultati all’American Chemical Society (ACS) Fall 2019 National Meeting & Exposition, questo agosto a San Diego.

 

>>Leggi anche Accumulo energetico, il mercato è pronto al boom<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *