• Articolo Potenza, 25 gennaio 2018
  • La Basilicata spinge su cogenerazione e trigenerazione

  • Presentato l’avviso pubblico per la realizzazione e la gestione di impianti di cogenerazione o trigenerazione alimentati a biomasse agroforestali

cogenerazione

 

 

(Rinnovabili.it) – La Basilicata chiama a raccolta enti pubblici, aziende sanitarie e Università per rilanciare l’autoconsumo.  Il Dipartimento Ambiente e Energia della Regione ha pubblicato in questi giorni un avviso per capire quanti dei soggetti pubblici siano interessati a realizzare e gestire impianti di cogenerazione o trigenerazione alimentati a biomasse. La misura, spiega la stessa Regione in una nota stampa, mira a valorizzare ed impiegare le fonti rinnovabili “al fine di ottenere un maggiore efficientamento energetico delle strutture pubbliche ed un uso razionale e consapevole dell’energia”. L’avviso è stato pubblicato, in realtà, il 1°gennaio 2018, ma il progetto è arrivato sotto i riflettori pubblici proprio in questi giorni, quando l’assessore all’Ambiente e Energia della Regione Basilicata, Francesco Pietrantuono ha presentato il nuovo bando ai sindaci lucani, durante un evento dedicato.

 

>>Leggi anche Fondo efficienza energetica: vincoli agli impianti a biomassa<<

 

La strategia, continua il comunicato stampa regionale, “si inserisce nel più vasto quadro della programmazione comunitaria che guarda alle risorse regionali come strettamente funzionali allo sviluppo e alla crescita sostenibile del territorio e rientra fra le azioni messe in campo dal Dipartimento Ambiente e Energia della Regione Basilicata allo scopo di diminuire le emissioni di gas serra nell’atmosfera e mitigare i cambiamenti climatici”.

Gli interventi proposti dovranno essere finalizzati allo sfruttamento delle biomasse agroforestali per la produzione di energia termica ed elettrica attraverso impianti con potenza elettrica non inferiore a 100 kWe ed una potenza termica non superiore a 3 MWt, associando eventualmente anche reti di teleriscaldamento o teleraffrescamento. Via libera dunque alla frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura, dalla silvicoltura e dalle industrie connesse.

 

I destinatari dell’avviso sono gli Enti pubblici territoriali e settoriali, le Aziende sanitarie e ospedaliere, l’Università degli Studi della Basilicata e i Partenariati pubblico-privati che, se interessati, potranno partecipare alla manifestazione di interesse presentando la propria candidatura entro il 1 aprile 2018.

 

>>Impianti a biomassa, l’Europarlamento chiede nuovi criteri sostenibilità<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *