• Articolo Cremona, 20 aprile 2016
  • Bioenergie, in Italia raddoppia la produzione elettrica

  • CremonaFiere presenta i dati del settore: più 98,4% di elettricità da bioenergie in cinque anni. Il contributo più alto nel mix energetico regionale si registra nell’Emilia Romagna

Bioenergie, in Italia raddoppia la produzione elettrica

 

(Rinnovabili.it) – Raddoppia o quasi la produzione di elettricità da bioenergie a livello nazionale. In cinque biogas e bioliquidi sono cresciuti di oltre il 98% in termini di generazione elettrica, raggiungendo nel 2014 la cifra di 18.732 GWh. Un risultato che non meraviglia più di tanto se si considera che il Belpaese è secondo in Europa per la produzione del biogas agricolo. Ed è proprio quest’ultimo che ha fatto da traino alle ottime performance di crescita biogas, con un più 143,8% dal 2010 al 2014 che ha prodotto 3.538 GWh.

 

Nel valore attribuito al biogas bisogna distinguere però i vari contributi: la parte da leone la hanno fatta gli scarti di attività agricole e forestali (1.894 GWh con il +1.235%) e quindi le deiezioni animali (396 GWh e +295%).

Meno performante ma sempre in crescita il dato dell’elettricità prodotta dai bioliquidi e dai solidi, rispettivamente un più 44,6% per 3.084 GWh e più 26,2% e 3.287 GWh.

 

I dati sono quelle presentati oggi da CremonaFiere in occasione della giornata di apertura di Bioenergy Italy. La società ha analizzato da vicino anche la distribuzione regionale del mix produttivo rivelando che, se si tratta di bioenergie, l’Emilia Romagna regna indiscussa. Nel suo mix di produzione energetica quasi la metà (44,8%) proviene da impianti che utilizzano bioenergie (contro il 15,5% della media nazionale). Sorprendono Campania e Calabria dove la produzione pur dimezzata rispetto all’Emilia Romagna resta comunque alta. La Campania arriva quasi a un quarto di bioenergie (22,3% – 2° posto) e la Calabria a un quinto (20,1% – 5° posto). La Lombardia è terza (21,3% sul totale di elettricità prodotta), il Veneto quarto (20,5%). E’ bassa la produzione di elettricità da impianti bioenergetici in Toscana (7% del totale), Sicilia (5%), Abruzzo (4,7%) e Trentino Alto Adige (2,4%) mentre è inesistente in Valle d’Aosta (0,3%).

 

Regioni Produzione energia elettrica da bioenergie (2014 – valori in GWh) % produzione regionale energia elettrica da bioenergie su totale produzione regionale energia elettrica
Lombardia 4.249 21,3%
Emilia Romagna 2.759 44,8%
Veneto 1.899 20,5%
Piemonte 1.731 14,7%
Puglia 1.650 17,3%
Campania 1.028 22,3%
Calabria 1.024 20,1%
Friuli Venezia Giulia 706 18,9%
Lazio 704 19,1%
Sardegna 690 18,8%
Toscana 604 7,0%
Trentino Alto Adige 340 2,4%
Sicilia 259 5,0%
Umbria 224 8,7%
Basilicata 214 11,7%
Marche 187 9,1%
Molise 165 12,6%
Abruzzi 161 4,7%
Liguria 126 18,2%
Valle d’Aosta 12 0,3%
Italia 18.732 15,5%

 

Guardando ai valori assoluti in Lombardia si produce più elettricità da bioenergie, con 4.249 GWh su 19.919 in totale, pari al 22,7% della produzione nazionale. Segue l’Emilia Romagna con 2.759 GWh su 6.156 (2° posto in Italia con il 14,7% della produzione nazionale), il Veneto con 1.899 GWh su 9.259 (3° posto con il 10,1%), il Piemonte con 1.731 GWh su 11.773 (4° posto con il 9,2%) e la Puglia (1.650 GWh su 9.564 in totale (5° posto con l’8,8%). In coda troviamo l’Abruzzo (161 GWh), la Liguria (125 GWh) e la Valle d’Aosta (12 GWh).

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *