• Articolo Bologna, 30 luglio 2019
  • Emilia Romagna: 6,8 mln per produrre energia verde in agricoltura

  • Nuovi incentivi per le imprese agricole regionali che vorranno realizzare impianti per la produzione e la vendita di energia rinnovabile

energia verde

 

Per produrre energia verde non potranno essere utilizzate colture dedicate ma solo rifiuti e sottoprodotti

(Rinnovabili.it) – Ben 6,8 milioni di euro dedicati alla produzione di energia verde in agricoltura. Questa la somma stanziata dalla Regione Emilia Romagna per il nuovo bando del Psr 2014-2020. L’atto è dedicato alle imprese agricole del territorio intenzionate a diversificare le proprie attività e le proprie fonti di reddito. Nel dettaglio i nuovi finanziamenti serviranno a realizzare impianti per la produzione, la distribuzione, l’accumulo e la vendita di energia verde (elettricità o calore) sfruttando le fonti locali. Tra gli interventi previsti, la realizzazione di impianti per ricavare pellets e biocombustibili così l’installazione di caldaie alimentate a biomassa legnosa, sotto forma di cippato o pellets, digestori per la produzione di biogas per la generazione diretta di energia o per la trasformazione in  biometano. Con un’importante precisazione: le imprese non potranno utilizzare colture dedicate ma solo rifiuti e sottoprodotti agricoli.

 

Non solo. Il bando finanzierà anche interventi come microgrid e impianti “intelligenti” per l’accumulo impianti che sfruttano altre fonti rinnovabili come l’eolico, il solare (ad esclusione del fotovoltaico a terra) e l’idroelettrico su piccola scala. Indipendentemente dalla tipologia scelta, gli impianti dovranno avere potenze pari ad un massimo di 1 MWe o 3 MWth, ed essere dimensionati per produrre energia in quantità superiore ai consumi aziendali.

 

>>Leggi anche Emilia Romagna: ecobonus da 3 mila euro per chi sceglie veicoli ecologici<<

“La materia prima che alimenterà le strutture – si legge nella nota stampa della Regione – dovrà provenire dall’azienda stessa o da altre del territorio unite da un accordo di filiera, entro una distanza massima di 70 chilometri. Le imprese possono presentare progetti di spesa a partire da 20mila euro e senza limiti: il contributo massimo sarà comunque calcolato nel rispetto del regime “de minimis”  e non potrà quindi superare i 200mila euro. Il contributo sarà in conto capitale modulabile tra il 20 e il 50%  della spesa ammessa, nel rispetto dei limiti di cumulabilità con altri incentivi pubblici per le energia da fonti alternative.  E’ possibile chiedere un anticipo del 50% dell’importo assegnato”.  

 

Nelle graduatorie sono previsti punteggi aggiuntivi, a parità di requisiti, per le aziende agricole di montagna e per i giovani agricoltori che abbiano usufruito nei precedenti cinque anni di un contributo per l’avvio di una nuova azienda.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *