• Articolo Bruxelles, 23 settembre 2011
  • GDF SUEZ convertita al 100% la centrale a biomasse di Rodenhuize

  • Investiti 125 milioni di euro per la trasformazione della centrale a carbone belga

GDF SUEZ e la sua controllata Electrabel Rodenhuize hanno annunciato oggi di completato la conversione al 100% della centrale a biomasse in Belgio. Sono stati investiti 125 milioni di euro per la  trasformazione della centrale a carbone di Rodenhuize in un’unità a biomassa.
Questa centrale elettrica è prima nel suo genere al mondo in quanto rappresenta la più grande trasformazione di questo tipo e offre i migliori risultati ambientali.
La nuova unità ha una potenza di 180 MW di energia elettrica ed è in grado di generare ogni anno un volume equivalente al consumo annuo di 320,000 famiglie. In aggiunta, ridurrà le emissioni di CO ₂ di 1,2 milioni di tonnellate all’anno. L’impianto è di proprietà congiunta fra Electrabel (73%) e Ackermans & van Haaren (27%)
Nella nuova unità, il carbone è stato completamente sostituito da pellet di legno certificati da un organismo indipendente. Un terzo della fornitura di pellets per la nuova unità proviene da un impianto che produce bioenergia nella provincia canadese della British Columbia, con il quale Electrabel ha firmato un contratto a lungo termine per 225,000 tonnellate di biomassa all’anno.
Sophie Dutordoir, direttore generale di Electrabel, ha affermato che: “Questo è un risultato a livello mondiale in termini di prestazioni ambientali. E’ unico nel suo genere per la portata, l’usato e le sue caratteristiche la tecnologia ambientale, ed è un importante contributo al raggiungimento degli obiettivi nel mese di settembre da parte dell’Unione europea. Questo progetto si integra perfettamente con la nostra strategia per lo sviluppo di strutture diversificate ed è in linea con gli impegni ambiziosi che il Gruppo sta perseguendo nell’ambito delle energie rinnovabili “.