• Articolo Wilmington , 13 giugno 2012
  • Un riconoscimento alla tecnologia made in Italy

    Gli Usa premiano la bioraffineria Chemtex

  • Il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense ha premiato con 3,9 mln di dollari il progetto per la riduzione della dipendenza da petrolio presentato dal Gruppo Mossi & Ghisolfi

(Rinnovabili.it) – Il Dipartimento statunitense dell’Agricoltura ha assegnato alla Chemtex, del Gruppo Mossi & Ghisolfi, il premio “Biomass Crop Assistance Program” del valore di 3,9 milioni di dollari, che serviranno per finanziare i progetti atti ad implementare le coltivazioni agricole per la produzione di biocarburanti di seconda generazione e biomassa per la produzione di energia elettrica e termica.

L’obiettivo del progetto BCAP consiste infatti nella riduzione della dipendenza dal petrolio degli Stati Uniti, provvedendo anche alla riduzione della produzione e del rilascio di inquinanti, oltre che allo sviluppo dell’economia rurale e della crescita del numero di posti di lavoro. La produzione agricola derivante dal progetto servirà quindi per fornire parte della biomassa necessaria al progetto “Alpha” che prevede di ottenere circa 80 milioni di litri l’anno di etanolo dalla bioraffineria che verrà costruita a Sampson County (North Carolina) e la cui entrata in funzione è prevista per il 2014. “La bioraffineria progettata da Chemtex grazie al premio BCAP, aiuterà a stimolare sia l’agricoltura sia l’industria manifatturiera in North Carolina, aumentando la produzione di biocarburanti da materie prime non alimentari coltivate a livello locale” –  sottolinea Guido Ghisolfi, Vicepresidente del Gruppo Mossi & Ghisolfi e Presidente di Chemtex.  “Il premio è un riconoscimento alla nostra ricerca che ci ha permesso di sviluppare una tecnologia innovativa, in grado di produrre bioetanolo da colture non in concorrenza con la filiera alimentare, e che darà ai produttori migliori ritorni sugli investimenti per stimolare una produzione più sostenibile di biocarburanti innovativi”.