• Articolo Bonn, 16 novembre 2017
  • Per BMW solo energie rinnovabili dal 2020

  • La casa automobilistica scarica il carbone: entro la fine del decennio tutta l’elettricità utilizzata proverrà da sole, vento e deiezioni animali

bmw

 

(Rinnovabili.it) – Al salone dell’auto di Francoforte, la BMW ha rilanciato sull’e-mobility: entro il 2025 porterà sul mercato 25 nuovi modelli dotati di propulsione elettrica, di cui 12 completamente “full electric”. Ma la rivoluzione energetica, che serpeggia nel mondo dell’automotive, non ha contagiato solo la produzione. La casa automobilistica tedesca si è impegnata a trasformare anche la propria domanda interna di energia.

Sulla scia di altre grandi aziende che hanno fatto del consumo di rinnovabili uno degli obiettivi clou delle rispettive strategie societarie, anche per la compagnia di Monaco sembra arrivato il tempo di un salto ecologico. Scegliendo, non a caso, il palco della COP 23 di Bonn, il Responsabile Acquisti di BMW, Markus Duesmann, ha rivelato come. entro il 2020, il marchio dell’elica sia intenzionato ad alimentare i propri stabilimenti esclusivamente con le fonti rinnovabili. Questo significa acquistare solo energia pulita locale per tutte le sue 31 fabbriche, oggi attive in 14 Paesi nel mondo.

 

>>Leggi anche Batteria più potente per BMW i3, 300 km con una ricarica<<

 

In realtà si tratta di un percorso già avviato. Le green energy attualmente soddisfano il 63% delle esigenze elettriche della BMW che oggi può contare, ad esempio, su un rifornimento al 100 per cento eolico per il sito di Leipzig, in Germania, o a biometano ottenuto dai rifiuti per la sua fabbrica a Spartanburg, nella Carolina del Sud.

 

Nonostante il buon livello di partenza, il piano risulta essere particolarmente ambizioso per un’azienda di queste dimensioni e portata, in particolare per una che si occupa di produzione pesante. “Siamo fermamente convinti che, insieme ai governi, all’industria e ai rappresentanti della società, possiamo avere un impatto positivo nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG)”, ha dichiarato Ursula Mathar, vicepresidente del settore sostenibilità e protezione dell’ambiente della BMW. “Discuterne con vari stakeholder al Sustainable Innovation Forum è una delle nostre principali priorità”.

Dall’offerta futura non verrà esclusa nessuna fonte. La società fa saper di star trattando con un produttore sud africano il cui impianto a biomassa genera energia dagli escrementi animali.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *