• Articolo Pechino, 1 aprile 2019
  • La Cina costruirà 6-8 centrali nucleari ogni anno

  • L’annuncio del Presidente di una delle maggiori compagnie energetiche cinesi: il rilancio del nucleare dovrebbe aiutare il Paese a raggiungere gli obiettivi di sviluppo per il 2030

cina centrali nucleariAttualmente in Cina sono attive 46 centrali nucleari per una capacità di 42,8GW

 

(Rinnovabili.it) – La Cina potrebbe costruire dalle 6 alle 8 centrali nucleari ogni anno non appena il processo di approvazione dei progetti di sviluppo energetico tornerà al suo normale corso: l’annuncio è stato dato all’Agenzia Reuters dal Presidente della compagnia energetica statale China National Nuclear Corporation, Yu Jianfeng.

 

Lo sviluppo di nuovi reattori nucleari dovrebbe consentire alla Cina di raggiungere gli obiettivi di sviluppo previsti entro il 2030, ha aggiunto il portavoce della compagnia. Dopo quasi tre anni d’inattività, nel 2019, la Cina ha avviato la costruzione di due nuovi complessi nucleari nel sud est del Paese.

Il programma di sviluppo cinese prevedeva la costruzione di centrali nucleari per una capacità di 58GW entro il 2020. Attualmente, tuttavia, sono “solo” 46 le centrali attive, per una capacità complessiva di 42,8 GW. Altri 11 reattori sono in costruzione, per una capacità di 10,8GW ( dispetto dei 30GW inizialmente previsti). La Cina è il quarto Paese al mondo per capacità installata e il terzo per numero di siti nucleari attivi. Nonostante il grande investimento nel settore, nel 2017 l’energia prodotta dal comparto nucleare rappresentava solo il 3,9% del totale.

 

>>Leggi anche Fukushima: 8 anni dopo la crisi nucleare la normalità è ancora lontana<<

 

La Cina è stato il primo Paese al mondo a completare la costruzione di una centrale nucleare alimentata da un reattore ad acqua pressurizzata di terza generazione come quelli sviluppati dalla Toshiba-Westinghouse Electric Company o dalla francese EPR. Yu Jianfeng ha anche riferito ai cronisti che entro la fine del 2019 inizieranno i lavori per la costruzione del primo reattore modulare di “piccola scala” sull’isola di Hainan, inizialmente previsti per il 2017.

 

L’annuncio arriva a pochi giorni dalla pubblicazione del National Energy Administration che segnalava per il 2018 il record di capacità installata da impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili: 728GW, +12% rispetto all’anno precedente.

 

>>Leggi anche La Spagna vuole essere rinnovabile: addio al nucleare entro il 2035<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *