• Articolo Firenze, 5 aprile 2013
  • A Pontedera l’energia è “intelligente”

  • Il sistema è costituito da un impianto di trigenerazione (cogeneratore a metano) integrato con fonti rinnovabili (fotovoltaico e eolico) e convenzionali

Gestire in maniera “intelligente” i flussi energetici all’interno dell’azienda, interfacciarsi in modo “attivo” con la rete elettrica, ottenere benefici economici tramite la riduzione del costo dell’energia e l’aumento di efficienza, avvicinarsi verso la futura diffusione sul territorio delle smart grids (ovvero le reti “intelligenti” in grado di accogliere flussi di energia bidirezionali, di fare interagire produttori e consumatori, di determinare in anticipo le richieste di consumo e di adattare con flessibilità la produzione e il consumo di energia elettrica).

Questi gli obiettivi di un progetto, coordinato e promosso da un’azienda giapponese (Yanmar R&D Europe) in partenariato con altri soggetti privati (Enel Ingegneria e Ricerca spa; SDI elettronica spa; Pontlab srl) e con il supporto scientifico dell’Università di Firenze (Facoltà di Ingegneria): l’impianto sperimentale, realizzato a Pontedera (Pisa) presso lo stabilimento di Pontlab, viene inaugurato martedì prossimo, 9 aprile 2013, presso il Museo Piaggio – a Pontedera – con inizio alle ore 11:00. Per la Regione Toscana interviene Stella Targetti, vicepresidente con delega alla ricerca. Il Comune di Pontedera sarà rappresentato dal sindaco Simone Millozzi. Interverranno anche i rappresentanti di tutte le società coinvolte e dell’Università di Firenze.

Il sistema che viene inaugurato martedì è costituito da un impianto di trigenerazione (cogeneratore a metano) integrato con fonti rinnovabili (fotovoltaico e eolico) e convenzionali. L’investimento complessivo (circa 270 mila euro) è stato suddiviso tra i partecipanti, senza alcun finanziamento esterno.