• Articolo Bruxelles, 6 novembre 2013
  • Guida Ue per l'intervento dello Stato nel settore dell'elettricità

    Commissione europea: niente tagli retroattivi alle rinnovabili

  • Bruxelles ha presentato una comunicazione che dà agli Stati membri orientamenti su come effettuare la maggior parte degli interventi pubblici nel mercato elettrico nazionale, compresi quelli sui sistemi incentivanti

Commissione europea: niente tagli retroattivi alle rinnovabili(Rinnovabili.it) – Progettare accuratamente gli interventi sul mercato elettrico nazionale per non alterarne il funzionamento e mantenere bassi i prezzi dell’energia per famiglie e imprese. Questa la raccomandazione fornita dalla Commissione Europea nelle nuove linee guida per i Ventotto.

Bruxelles ha presentato ieri una comunicazione che dà agli Stati membri i necessari orientamenti su come effettuare la maggior parte degli interventi pubblici, come riformare quelli esistenti – in particolare i sistemi di sovvenzione delle energie rinnovabili – e come progettarne in modo efficace nuovi. “L’obiettivo finale del mercato – ha dichiarato il Commissario Ue all’Energia Günther Oettingerè quello di fornire energia sicura e conveniente per i nostri cittadini e le imprese. L’intervento pubblico deve pertanto sostenere questi obiettivi. Ha bisogno di essere economicamente efficiente e adeguato alle mutate circostanze… “ 

L’obiettivo della presente comunicazione è dunque quello di dare agli Stati europei le informazioni necessarie perché essi effettuino le scelte migliori per i loro regimi nazionali.

 

INCENTIVI ALLE RINNOVABILI

L’energia rinnovabile – sia eolica e solare – è stata per lungo tempo una nuova tecnologia dipendente dai sussidi statali  per lo sviluppo. Con il progresso tecnologico, i minori costi dei moduli solare e la crescita della produzione, molti Stati membri hanno avviato una riforma dei loro regimi di sostegno alle eco-energie rinnovabili. In tal senso l’esecutivo UE raccomanda che:

 

•           Il sostegno finanziario venga limitato a quanto necessario e sia finalizzato a rendere le energie rinnovabili competitive.

•        I regimi di sostegno siano flessibili e rispondano al calo dei costi di produzione. Alla loro scadenza, le tecnologie dovrebbero essere gradualmente esposte ai prezzi di mercato rimuovendo completamente gli incentivi. In termini pratici questo significa che i Feed-in-Tariff dovrebbero essere sostituiti da sistemi di premialità o da altri strumenti di supporto che permettano ai produttori di  rispondere agli sviluppi del mercato.

•           I governi devono evitare cambiamenti negli schemi incentivanti senza preavviso o retroattivi. Le legittime aspettative degli investitori riguardo i rendimenti sugli investimenti effettuati devono essere rispettati.

•          Gli Stati membri dovrebbero coordinare meglio le strategie dedicate alle energie rinnovabili per mantenere bassi i costi per i consumatori,  in termini di prezzi dell’energia.

I Correlati

Anev: basta a tagli retroattivi alle fonti rinnovabili Roma, 3 luglio 2014

Anev: basta a tagli retroattivi alle fonti rinnovabili

L’associazione dell’eolico italiano si unisce al coro di quanti stanno denunciando il serio rischio di collasso per il settore delle green energy

Mise: tagli incentivi alle rinnovabili ma senza effetti retroattivi Roma, 4 giugno 2014

Mise: tagli incentivi alle rinnovabili ma senza effetti retroattivi

Spalma incentivi, fine dei sussidi alle fer elettriche, Conto Termico: questi alcuni dei temi affrontati dal Viceministro allo Sviluppo nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulla green economy

Incentivi alle rinnovabili, in Spagna tagli fino al 60% Madrid, 6 febbraio 2014

Incentivi alle rinnovabili, in Spagna tagli fino al 60%

In arrivo l'ennesimo taglio retroattivo agli incentivi spagnoli, con riduzioni severe che colpiscono gravemente il settore delle green energy

Tagli drastici alle rinnovabili in Australia. Canberra, 23 ottobre 2014

Tagli drastici alle rinnovabili in Australia

Il premier Tony Abbott sta dando seguito alla sua promessa: abbasserà gli obiettivi fissati per le rinnovabili per la gioia delle compagnie fossili