• Articolo Parigi, 14 gennaio 2019
  • Consumo energia: in Asia, Medio Oriente e Africa cresce del 20% annuo

  • I dati tra il 2010 e il 2016 descrivono i trend di crescita nella domanda di energia: mentre l’Europa investe in rinnovabili, i Paesi in rapida crescita si affidano a carbone e petrolio

energia

Le economie emergenti guidano la richiesta mondiale di energia, mentre Europa e Nord America rallentano i propri consumi

 

(Rinnovabili.it) – Asia, Medio Oriente e Africa sono le regioni leader nel consumo di energia a livello mondiale: la forte crescita demografica così come lo sviluppo di economie competitive ha fatto crescere costantemente la domanda energetica in queste aree tra il 2010 e il 2016 ci circa il 20%. E mentre i Paesi emergenti assorbono sempre più risorse, Europa e Nord America invertono il trend.

Questo quanto si evince dai recenti dati pubblicati dall’EIA (International Energy Statistics Database): nel 2016, circa il 42% dell’energia consumata a livello mondiale è finita in Asia e ­Oceania, il 6% in Medio oriente e “solo” un 3% in Africa. In controtendenza invece i consumi di Nord America, cresciuti di appena l’1% tra il 2010 e il 2016, ed Europa dove nello stesso arco di tempo la richiesta energetica è invece calata del 4%.

 

 

energia

 

Il petrolio continua a farla da padrone: insieme ad altri combustibili liquidi come biodiesel ed etanolo, è ancora l’oro nero il combustibile più utilizzato a livello mondiale. Una leadership causata dalla relativa stabilità del prezzo del petrolio e dalla forte presenza sul mercato degli Stati Uniti, sia come Paese produttore che consumatore.

Il consumo di carbone, invece, registra variazioni sensibili: se nel 2016 circa il 50% dell’energia consumata in Asia e Oceania è stata garantita dal carbone, particolarmente utilizzato in Cina, India e Australia; nello stesso anno i Paesi europei, nord americani e sud americani hanno aumentato il consumo da fonti rinnovabili o nucleari (rispettivamente +26%, +19% e +26%). In Medio Oriente, la quasi totalità dei consumi energetici è, invece, da ascriversi alle risorse petrolifere e di gas naturale.

 

>>Leggi anche “Il decalogo del consumo intelligente” dell’energia<<

 

La Cina continua ad essere il primo consumatore di energia a livello mondiale: a partire dal 2013, anno di avvicendamento in graduatoria, l’economia cinese ha sempre registrato un +40% annuo di incremento nell’energia consumata rispetto agli USA, ad oggi il secondo consumatore mondiale. Una crescita dovuta soprattutto all’aumento dei consumi domestici, cresciuti con una velocità del 6% in più rispetto al totale consumato dal Paese asiatico.

Sulla stessa scia, anche l’India sta scalando posizioni in questa speciale classifica: tra il 2010 e il 2016, il subcontinente indiano scavalcato Giappone, Germania e Canada con un aumento del consumo domestico in crescita dell’8% annuo. Un trend che porterà probabilmente l’India ad essere il terzo consumatore mondiale a brevissimo, superando così la Russia.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *