• Articolo Roma, 27 novembre 2013
  • Un sub-emendamento già approvato dalla commissione bilancio

    Proroga V Conto Energia nella Legge di Stabilità

  • Nel maxiemendamento la proroga di un anno dei termini per accedere al V Conto Energia per gli impianti realizzati su edifici pubblici in zone colpite da calamità

Proroga V Conto Energia nella Legge Stabilità(Rinnovabili.it) – Oltre al fendente sferrato alle energie rinnovabili italiane, il maxiemendamento approvato stanotte dal Senato  riporta anche un’altra novità per quello che concerne le green energy nostrane, e più precisamente per il fotovoltaico. Nel testo rientra infatti anche una speciale proroga al V Conto Energia, contenuta in un sub-emendamento (già approvato dalla commissione bilancio) che estende un ulteriore anno i termini per accedere agli incentivi per gli impianti già iscritti ai registri e realizzati su edifici pubblici o terreni della pubblica amministrazione in zone colpite da calamità.

 

Secondo la proposta di modifica n. 6.3000/2 di Chiavaroli e Marinello, all’emendamento 6.3000: “I termini di decadenza previsti dall’articolo 1, comma 4, lettera c) e dall’articolo 4, comma 8, decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 luglio 2012 sono prorogati di un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge per quegli impianti, già iscritti in base a tale provvedimento ai relativi registri aperti presso il Gestore dei servizi energetici S.p.A. (GSE), da realizzarsi in zone che, nel corso degli anni 2012 e 2013, sono state per qualsiasi motivo riconosciute colpite da eventi calamitosi con provvedimenti normativi o amministrativi. La proroga è concessa anche nel caso in cui a ricadere nelle zone calamitate sono le opere connesse agli impianti su indicati”.