• Articolo Kathmandu, 8 maggio 2012
  • Un nuovo progetto della Banca Europea per gli Investimenti

    Dalla BEI il fondo per la crescita del Nepal

  • Un accordo tra Nepal e la Banca europea degli investimenti provvederà a rafforzare la crescita del paese, a migliorare le infrastrutture energetiche e a diffondere l’utilizzo delle rinnovabili

(Rinnovabili.it) – La BEI, Banca Europea degli Investimenti, e il governo del Nepal hanno firmato un accordo quadro grazie al quale si potranno portare avanti numerosi progetti nella capitale Kathmandu.

L’intesa, firmata dal Vice Presidente della BEI, si impegna a sostenere lo sviluppo sostenibile nel paese provvedendo così all’ottimizzazione dei consumi e alla riduzione dell’emissione di inquinanti.

Durante la cerimonia della firma il Vice Presidente della BEI ha sottolineato “l’importanza di questo accordo quadro, in questo momento molto significativo nella storia recente del Nepal” e ha dichiarato: “Sono fiducioso che questa prima pietra miliare nella cooperazione tra il Nepal e la BEI presto porterà alla realizzazione di progetti, in particolare nei settori dell’energia rinnovabile e delle infrastrutture energetiche. Questi contribuiranno alla crescita del Nepal e allo sviluppo del suo enorme potenziale idroelettrico oltre a migliorare la prosperità economica e qualità della vita per il popolo nepalese “.

Positivo anche il riscontro dell’ambasciatore a capo della delegazione dell’Unione europea in Nepal, Alexander Spachis, che ha ricordato come l’accordo sia perfettamente in linea con i progetti europei a sostegno in via di sviluppo che comprendono la crescita dell’efficienza energetica e della produzione elettrica da fonte rinnovabile anche in vista della necessaria riduzione degli inquinanti atmosferici rilasciati.

“Questo accordo fornirà al Nepal una base sufficienti per i finanziamenti a basso costo e per creare un ambiente favorevole per gli investimenti esteri in diversi progetti come lo sviluppo delle infrastrutture, dell’energia, della sostenibilità ambientale” ha concluso il Segretario alle Finanze Baskota.