• Articolo Leoben, 29 marzo 2017
  • Accumulo ad aria compressa, sarà più economico delle batterie

  • Migliorare l’efficienza dell’accumulo ad aria compressa e rendere la tecnologia installabile ovunque: questo il doppio obiettivo del progetto europeo RICAS 2020

Accumulo ad aria compressa, sarà più economico delle batterie

 

 

(Rinnovabili.it) – Il sistema più efficiente per immagazzinare l’energia di sole e vento e bilanciare la rete elettrica? Secondo i ricercatori di RICAS 2020, l’accumulo ad aria compressa. Nonostante la giovane età di questa tecnologia, per chi partecipa al progetto di ricerca europeo, rappresenterebbe una soluzione più economica rispetto alle odierne batterie e più facilmente praticabile dell’accumulo a pompaggio.

 

Sotto gli auspici dell’Unione Europea, scienziati di RICAS 2020 stanno cercando di trasformare questo concetto in una prospettiva concreta e. Il principio generale, che è già stato adottato in alcuni siti in Europa e Stati Uniti, è abbastanza semplice: si tratta di impiegare l’energia elettrica prodotta in eccesso dagli impianti eolici e fotovoltaici  per comprimere dell’aria che viene, quindi, stoccata in una caverna sotterranea. Quando la richiesta elettrica aumenta, l’aria è rilasciata attraverso una turbina a gas che genera elettricità.

 

Gli impianti di questo tipo sono spesso utilizzati per soddisfare la domanda di picco come supplemento alle centrali classiche, fornendo la giusta quantità di energia elettrica necessaria in tempi diversi durante il giorno. I due più grandi impianti di accumulo ad aria compressa nel mondo si trovano attualmente in Germania e negli Stati Uniti. Si tratta di camere sotterranee create all’interno di miniere saline. Queste strutture, tuttavia, perdono gran parte dell’energia potenziale dell’aria compressa, perché non incorporano un sistema per immagazzinare il calore prodotto durante la fase di compressione.

 

Accumulo ad aria compressa, sarà più economico delle batterie

 

RICAS 2020 ha una ricetta per ridurre queste perdite: l’impiego di una seconda camera riempita di rocce che trattengano il calore, situata nel passaggio dell’aria verso il sito di stoccaggio e nel suo ritorno alle turbine. Gli scienziati sono convinti che, con questa soluzione, si possa aumentare l’efficienza del sistema fino all’80%, rispetto all’attuale 45-50%.

Inoltre i partner del progetto stanno lavorando per mettere a punto nuovi concept per impostare un’infrastruttura di ricerca dedicata allo stoccaggio sotterraneo di elevate quantità di energia verde. Il grande vantaggio dei nuovi concept sarà rendere disponibile questa tecnologia indipendentemente dalle condizioni geologiche incontrate, affinché si possa adattare a tutti i luoghi dove esiste un’elevata domanda energetica.

 

Il progetto – spiega a Europapress uno dei ricercatori – si basa sulla convinzione che la nostra soluzione sia in grado di offrire un migliore accumulo di energia rispetto a quello delle batterie, grazie alla sua maggiore durata e un costo del capitale inferiore per kWh di energia immagazzinata. Ci aspettiamo inoltre che possa essere impiegata praticamente ovunque indipendentemente dal tipo di formazione geologica disponibile”.

5 Commenti

  1. Andrea
    Posted ottobre 17, 2017 at 10:24 pm

    Nn si potrebbe usare un generatore che trasforma l’energia cinetica dell’aria compressa in elettricità senza usare il gas?

    • Giovanni
      Posted aprile 22, 2018 at 11:35 am

      Con gas penso intendano l’aria compressa (a livello fisico qualsiasi sostanza gassosa è gas)

      • Germano Provenzano
        Posted dicembre 2, 2018 at 10:37 pm

        Credo che con Gas intendano gas combustibile (metano), mentre l’aria compressa sarebbe il comburente. In una turbina a gas industriale, l’aria comburente viene prelevata dall’atmosfera, compressa dal compressore assiale, e poi inviata in camera di combustione. Chiaramente il compressore assiale viene azionato dalla turbina, e quindi gli sottrae energia. Con questo sistema l’aria compressa nel serbatoio di stoccaggio verrebbe inviata direttamente alla camera di combustione, e di conseguenza la turbina avrà un rendimento migliore in quanto non dovrà muovere il compressore assiale (che fisicamente non ci sarà più).

  2. Giuseppe
    Posted novembre 3, 2017 at 6:07 pm

    Ottima alternativa ad accumulo con batterie.
    Domanda: per quale motivo investire in accumulo con batterie (a parte di necessità isole o zone remote)
    e investire l’ equivalente in FV, eolico, ecc. Esempio: con 5000€ 3KW di FV e altri 4500 per 2Kwh di batterie si producono 10/15 kwh, con 9500€ si installano 6kw di pannelli e si producono 20/30 kwh .
    Certo che serve immettere in rete il surplus per poi farselo rendere nei momenti di necessità, ma con la stessa cifra si produce il doppio di energia.
    buona giornata

  3. DAVIDE
    Posted novembre 16, 2017 at 12:18 pm

    SONO INTERESSATO

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *