• Articolo Monza, 10 febbraio 2012
  • Progetto a cura di Edison, Philips e Distretto Green&highTech Monza- Brianza

    Così i Comuni imparano a risparmiare

  • Realizzato un impianto di illuminazione pubblica d’ultima generazione e sperimentale per il Comune di Sulbiate che consente un risparmio immediato sui consumi elettrici e sulla manutenzione

(Rinnovabili.it) – Nel comune di Sulbiate, in Lombardia, la parola d’ordine è sperimentare. La Fondazione Distretto Green and High Tech Monza Brianza ha stretto una collaborazione con Edison e Philips al fine di realizzare un impianto di illuminazione pubblica ad alta efficienza energetica e conforme a tutte le normative in merito. Il progetto prevede la sperimentazione sul territorio comunale della tecnologia LED di Philips ed una serie di test effettuati da Edison per quantificarne l’efficienza effettiva attraverso un sistema avanzato di misura e controllo dei consumi e del funzionamento.

L’impianto permette una gestione modulare grazie ad una configurazione che consente d’essere integrato in una rete di controllo qualora venissero attivati altri punti luce; il progetto prevede inoltre di sostituire i dispotivi LED nei prossimi cinque anni qualora fossero immesse sul mercato soluzioni a diodi più efficienti. “Per il Distretto – spiega Giacomo Piccini, direttore generale della La Fondazione Distretto Green and High Tech Monza Brianza –  il raggiungimento di questo risultato dimostra come sia possibile avviare una collaborazione fattiva e di interesse comune tra le aziende aderenti e la Pubblica Amministrazione che intenda sviluppare soluzioni tecnologicamente avanzate. Facendo rete e aggregazione possiamo favorire lo sviluppo industriale e far crescere il territorio. Il progetto di illuminazione pubblica di Sulbiate è un esempio di networking ben riuscito che porterà benefici sia al Comune che ai cittadini. Vogliamo guardare lontano. Risparmio energetico, abbattimento dei consumi e riduzione dell’inquinamento luminoso sono interventi concreti verso la realizzazione di centri urbani intelligenti”.