• Articolo Edimburgo, 7 giugno 2018
  • Risparmio energetico: il nuovo data center subacqueo di Microsoft

  • La struttura verrà testato nel corso del 2019 e quindi recuperata per controllare eventuali danni fisici

 data center subacqueo

 

Microsoft testa l’efficienza di un data center subacqueo nelle acque scozzesi

(Rinnovabili.it) – In mondo sempre più votato alla digitalizzazione, i consumi delle infrastrutture ICT sono una preoccupazione costante. Secondo un recente studio del Royal Institute of Technology, entro il 2025 il settore userà il 20 per cento dell’elettricità globale, emettendo fino al 5,5 per cento della CO2 rilasciata a livello mondiale. Per ridurre bollette e impatto, molte imprese di internet stanno adottando nuove strategie energetiche, dedicate soprattutto ai grandi centri dati.

Oltre alla scelta di ricorrere a sole energie rinnovabili – è il caso, ad esempio, della Apple -, un ruolo fondamentale lo svolgono tutte quelle tecnologie in grado di ridurre le alte temperature raggiunte dall’infrastruttura informatica senza far salire alle stelle i consumi. In questo contesto l’idea più originale appartiene sicuramente alla Microsoft: il colosso statunitense sta utilizzando la tecnologia dei sottomarini per sviluppare data center subacquei autosufficienti che possano essere raffreddati sfruttando le basse temperatura dell’acqua.

 

>>leggi anche Digitalizzazione: Uno tsunami di dati stravolgerà la domanda energetica<<

 

L’ultimo a esser stato “affondato” è il centro di elaborazione dati di Northern Isles dell’Istituto europeo per l’energia marina. L’impianto si trova fuori dall’arcipelago delle Orkney, nel nord della Scozia. È costituito da un cilindro bianco lungo 40 metri contenente 864 server e il sistema di raffreddamento; la struttura è protetta da una base triangolare riempita di zavorra che poggia sul fondale marino ed è collegata a un cavo in fibra ottica. “Più della metà della popolazione mondiale vive a circa 120 miglia dalla costa”, ha detto Microsoft in una nota stampa. “Mettendo i data center in corpi d’acqua vicino alle città costiere, i dati dovrebbero compiere una distanza minore per raggiungerle”.

Per ridurre le temperature interne, l’impianto di raffreddamento convoglia direttamente l’acqua marina attraverso dei radiatori sul retro di ciascuno dei 12 rack dei server per poi re-immetterla nell’oceano. Un cavo trasmette l’energia elettrica prodotta da un parco eolico e una centrale marina direttamente al data center subacqueo che, per funzionare a piena potenza, richiede meno di un quarto dei megawatt dei centri operativi tradizionali. Il rovescio della medaglia è che se i computer di bordo si dovessero rompere, non potrebbero essere riparati a meno di non estrarre completamente l’impianto. La struttura verrà testato nel corso del 2019 e quindi recuperata per controllare eventuali danni fisici.

Un Commento

  1. walter
    Posted giugno 7, 2018 at 11:25 pm

    Alla faccia della tropicalizzazione dei mari e dello scioglimento dei ghiacci… pescheremo pesci già lessati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *