• Articolo Londra, 24 ottobre 2018
  • Case colabrodo, E.On individuerà dallo Spazio quelle inefficienti

  • Il fornitore energetico sta collaborando con l’Agenzia spaziale europea per mappare le abitazioni britanniche termicamente inefficienti

e.on satelliti

 

Accordo tra E.On ed ESA per la prima mappatura del calore degli edifici

(Rinnovabili.it) – Contro la povertà energetica il Regno Unito chiede aiuto ai satelliti in orbita: saranno loro, infatti, le spie dello stato d’efficienza energetica delle abitazioni britanniche. A renderlo possibile è l’accordo stretto in questi giorni tra il colosso energetico E.On, l’Agenzia spaziale europea (ESA) e gli specialisti di imaging satellitare Astrosat. L’innovativa collaborazione permetterà di individuare le aree edificate del paese più sofferenti dal punto di vista termico.

Come in molti altri paesi europei, Italia compresa, la fuel poverty britannica ha tra i fattori determinanti anche la presenza di un parco edifici vecchi e scarsamente coibentato: la ridotta efficienza energetica è in grado di rendere le misure di riscaldamento non solo vane ma anche parecchio costose, soprattutto quando aumentano i prezzi dei prodotti energetici. E maggiori sono gli sforzi per tenere una casa al caldo, maggiore saranno le emissioni.Per dare un taglio a sprechi e CO2, la Gran Bretagna testerà la tecnologia di imaging satellitare per tracciare le misure di efficienza energetica.

 

>>Leggi anche Energia circolare: usare il calore estivo per il riscaldamento invernale<<

 

Nel dettaglio, il progetto di E.On utilizzerà dati quasi in tempo reale, inclusi gli infrarossi termici per la mappatura del calore e il monitoraggio dell’inquinamento, per identificare problemi quali lo scarso isolamento delle abitazioni, la cattiva qualità dell’aria e la gestione del traffico. Le informazioni saranno quindi messe a disposizione delle autorità locali in maniera tale da offrire ai decisori una visione su scala stradale dei punti dove sono più necessari i miglioramenti.

E.On e Astrosat svilupperanno il progetto con il supporto dell’ESA per 18 mesi, elaborando anche uno studio su scala urbana, con l’obiettivo di essere pronti per i test nel Regno Unito entro il terzo trimestre dell’anno prossimo.

 

“Questa tecnologia di mappatura del calore – ha dichiarato Greg Clark, segretario UK alle Imprese e all’Energia – permetterebbe di individuare le famiglie in condizioni di povertà energetica o quelle a rischio. Abbinata ai dati del governo, potrebbe significare meno tempo trascorso sulla strada e più tempo dedicato al miglioramento delle abitazioni attraverso il nostro sistema ECO per l’efficienza energetica da 6 miliardi di sterline. Il cielo è il limite”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *