• Articolo Bologna, 5 dicembre 2011
  • F. Conti: “Da sempre una delle regioni più impegnate”

    Efficienza e zero emissioni: il protocollo tra ENEL ed Emilia Romagna

  • La collaborazione siglata oggi prevede l’implementazione di tutta una serie di misure previste dal Piano energetico regionale e, ancor prima, dall’Europa

(Rinnovabili.it) – Un’energia più efficiente e sostenibile su tutto il territorio regionale, che ricorre alle rinnovabili e si impegna per ridurre le emissioni di CO2. È quanto si appresta a implementare l’Emilia Romagna che, grazie a un protocollo di collaborazione siglato oggi con Enel Spa, sta procedendo all’elaborazione del piano triennale di attuazione 2011-2013 del Piano energetico regionale nel quadro dell’impegno richiesto dalla Commissione europea: il famoso pacchetto 20-20-20. Gli ambiti di collaborazione tra le Regione ed Enel vanno dalla promozione di misure per ridurre le emissioni e migliorare l’efficienza energetica all’utilizzo di tecnologie innovative che possano facilitare l’implementazione di specifici progetti per la riduzione dei consumi energetici, fino alla produzione di energia da fonti rinnovabili. Sarà compito poi del Comitato di coordinamento, che sarà costituito a breve e sarà composto da rappresentanti di entrambi i firmatari del protocollo, elaborare un piano di azione complessivo. In particolare per l’idroelettrico, saranno definiti appositi accordi di programma territoriali, che andranno a sottoscrivere gli enti locali, le autorità competenti, i gestori del servizio idrico integrato e le organizzazioni nel settore agricolo della Regione. Per la grande regione italiana che, a detta dell’AD di Enel Fulvio Conti, è da sempre tra le più impegnate su questo fronte, si apre un capitolo fatto di innovazione. Il Presidente della Regione, Vasco Errani, è convinto che la firma di oggi avrà ricadute nella qualità ambientale e in un nuovo modello di sviluppo. “Per noi – ha detto – la nuova frontiera è la produzione da fonti rinnovabili e soprattutto l’efficienza energetica nel sistema produttivo, nelle abitazioni, in tutto il sistema Emilia-Romagna”.