• Articolo Milano, 2 aprile 2015
  • La geografia dell’efficienza secondo Avvenia

    Efficienza energetica, la white economy si trova nel Nord Italia

  • Lombardia, Veneto e Lazio dominano la classifica regionale in termini di cultura aziendale del risparmio energetico, mentre Roma e Milano sono prime a livello locale

Efficienza energetica, la white economy si trova nel Nord Italia

 

(Rinnovabili.it) – Se si cerca il cuore della “white economy” italiana, il ramo dell’economia relativo all’efficienza e alla riqualificazione energetica, è a nord che bisogna andare. Nonostante la cultura aziendale della razionalizzazione e risparmio dell’energia sia oramai diffusa in modo relativamente uniforme in tutte le regioni, è nel Nord Italia che si trova la metà delle 360 mila imprese che hanno fatto dell’efficienza energetica una priorità aziendale. A dirlo sono i dati elaborati da Avvenia che mettono sul podio dell’economia bianca alla classifica regionale Lombardia, Veneto e Lazio, rispettivamente con oltre 66 mila aziende, 39 mila imprese e 34 mila imprese attente alle prestazioni energetiche.

 

Nella classifica di Avvenia seguono poi l’Emilia-Romagna, il Piemonte, la Toscana, la Campania e la Puglia, rispettivamente con 30, 27, 26, 22 e 21 mila imprese attente alle loro performance energetiche. Ottimo anche il posizionamento della Sicilia, con 20 mila, e delle Marche, con 11 mila imprese. Passando ad una scala provinciale la classifica appare dominata da Roma e Milano, rispettivamente con oltre 20 mila imprese “bianche”, seguite da Napoli con circa 14 mila imprese e Torino con poco più di 12 mila. «Sull’efficienza energetica l’Italia si dimostra così ancora una volta all’avanguardia. Anche i finanziamenti al settore stanno diventando una realtà importante del mercato finanziario, dove i classici squilibri Nord-Sud vengono superati e dove la “white economy” è ormai diventata patrimonio di tutti» commenta l’ingegner Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia.

 

A dare un ulteriore contributo all’affermazione di una cultura aziendale dell’efficienza energetica, secondo la società è stata la nuova norma sulle Diagnosi Energetiche Obbligatorie (DEO). Il decreto legislativo 102/2014, approvato il 20 luglio 2014, ha recepito le regole europee della direttiva 27 sull’efficienza energetica introducendo l’obbligo di sottoporsi entro il 5 dicembre 2015 ad un primo audit, da ripetersi poi ogni 4 anni per tutte le imprese che hanno almeno uno dei seguenti requisiti: oltre 250 dipendenti, fatturato superiore a 50 milioni di euro, bilancio annuo oltre 43 milioni di euro. Lo stesso obbligo vige anche per tutte le imprese “energivore”, a prescindere da dipendenti e fatturato.

Un Commento

  1. Filippo Unterhofer
    Posted aprile 2, 2015 at 12:23 pm

    Mi sembra che nell’articolo non si menzioni il Trentino – Alto Adige/SudTirol, ovvero la regione che ha basato le sue politiche proprio su energia rinnovabile ed efficienza energetica (in particolare la Provincia Autonoma di Bolzano)…

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *