• Articolo Washington, 6 settembre 2012
  • Uno studio del DoE statunitense

    Illuminazione: i LED vincono la gara dell’impatto ambientale

  • Oggi per essere prodotti richiedono quasi la stessa energia delle fluorescenti compatte, ma nell’arco di pochi anni potrebbero dimezzare la loro attuale impronta ecologica

(Rinnovabili.it) – L’illuminazione LED possiede oggi un leggero vantaggio ambientale sulle lampade fluorescenti compatte. Un divario ancora piccolo ma che è destinato a crescere in modo significativo nei prossimi cinque anni stando al nuovo rapporto del Pacific Northwest National Laboratory (PNNL) del Dipartimento di Energia.  “I diodi a emissione luminosa sono una tecnologia in rapida evoluzione che diventerà ancor più energicamente efficiente di quanto è ora nel giro di pochi anni”, ha dichiarato Marc Ledbetter del PNNL. “La nostra analisi indica che i progressi tecnologici nel prossimo futuro aiuteranno le persone che fanno uso di queste luci a mantenere un ridotto impatto sull’ambiente”.

Il rapporto esamina l’impronta ambientale dell’intero ciclo di vita delle moderne lampadine, tra cui l’energia e le risorse naturali necessarie per la fabbricazione, il trasporto, l’utilizzo e lo smaltimento per i LED, le fluorescenti compatte, o CFL, e le tradizionali lampadine incandescenti. L’energia consumata dalle luci quando sono accese costituisce ovviamente la maggior parte del loro impatto ambientale. Ma, con un consumo energetico simile tra LED e CFL quando accese, il team di ricerca ha scoperto come la differenza tra le prestazioni ambientali complessive per queste due lampadine “sia in gran parte determinata dall’energia e le risorse necessarie per produrle”, che fa sì che i diodi luminosi siano leggermente più green delle compatte. Unico neo per i LED, la presenza del dissipatore di calore, un segmento alluminio nervato che nelle operazioni di riciclo richiede un processo d’estrazione ad alta densità energetica e crea sottoprodotti diversi, come l’acido solforico, che devono essere smaltiti in maniera particolare. Tuttavia i ricercatori sono convinti che nel 2017 i miglioramenti tecnologici avranno ridotto del 50% l’attuale impatto ambientale dei LED rendendoli il vincitore indiscusso nel settore dell’illuminazione green.