• Articolo Edimburgo, 31 ottobre 2012
  • Produrre il 50% del necessario da fonti rinnovabili entro il 2015

    La Scozia propone nuovi target energetici

  • Il Primo Ministro scozzese Salmond ha annunciato nuovi ambiziosi target energetici che oltre ad abbassare il consumo di combustibili fossili diminuirà la produzione di inquinanti offrendo nuovi posti di lavoro

(Rinnovabili.it) – Salgono le aspettative green della Scozia, che per trasformare la propria politica in un vero esempio di sostenibilità ha deciso di alzare l’obiettivo energetico green al 50% entro il 2015 annunciando che entro quella data la metà dell’energia consumata dal paese sarà prodotta sfruttando esclusivamente fonti rinnovabili. Insieme a questa affermazione anche l’annuncio di un progetto che darà nuova linfa alle rinnovabili nazionali, ovvero la costruzione di un impianto idroelettrico che sarà il maggiore mai realizzato nel paese.

 

Alex Salmond, primo ministro scozzese, ha annunciato i nuovi obiettivi nel corso della conferenza  del settore energetico annunciando come sia in effetti “ambizioso, ma realizzabile”, con la probabilità di riuscire a produrre abbastanza energia da soddisfare i bisogni nazionali ed esportare l’elettricità in eccesso nel Regno Unito.

Cifre diffuse dal Dipartimento di Energia e cambiamenti climatici (DECC) dimostrano che la Scozia ha soddisfatto il 35 per cento del suo fabbisogno di energia elettrica sfruttando fonti rinnovabili durante lo scorso anno- superando così l’obiettivo intermedio del 31 per cento. Aumentare ancora gli obiettivi energetici darà inoltre al paese una grande opportunità economica e lavorativa.

“Credo che la produzione di più energia da fonte pulita sia essenziale per la Scozia e che questo obiettivo offra tre vantaggi in particolare – la sicurezza energetica, la sostenibilità ambientale e opportunità di lavoro” ha concluso Salmond.