• Articolo Vilnius, 4 luglio 2013
  • Una nuova Presidenza Ue

    Lituania: la presidenza europea punterà sull’energia

  • A capo del Consiglio Ue la Lituania ha discusso le priorità del mandato puntando tutto su sicurezza energetica, infrastrutture e e sul rafforzamento del dialogo UE con i fornitori di risorse energetiche esterne

La Lituania punta alla sicurezza energetica europea(Rinnovabili.it) – Per aumentare la sicurezza energetica, la strada da percorrere è quella della cooperazione tra i paesi della regione baltica. Lo hanno affermato il Primo ministro lituano e il Ministro degli Affari esteri durante il convegno “Supporto scientifico per la sicurezza energetica nella regione del Mar Baltico” svoltosi stamane presso l’Accademia lituana di Scienze a Vilnius.

 

Nel suo discorso ai partecipanti al convegno, il primo ministro Algirdas Butkevičius ha sottolineato l’importanza del dialogo tra scienziati, imprenditori, e politici per affrontare le sfide che la sicurezza energetica impone. Butkevičius ha voluto inoltre sottolineare che i primi ministri baltici hanno espresso interesse per l’ulteriore sviluppo della Baltic Energy Security Research Platform, con tutta probabilità forza trainante per ottenere la reale cooperazione tra i ricercatori di tutti i paesi interessati.

 

Priorità per la Lituania, come per tutta la regione, la sicurezza energetica va perseguitata ed esportata nell’Europa intera, ha affermato il Primo ministro della Lituania, ora alla Presidenza del Consiglio Ue.

“La Presidenza della Lituania al Consiglio dell’UE si concentrerà su questi obiettivi principali: la creazione del mercato interno europeo dell’energia, lo sviluppo di progetti di infrastrutture energetiche, e il rafforzamento del dialogo UE con i fornitori di risorse energetiche esterne” ha detto il ministro degli Esteri Linkevicius.