• Articolo Armonk, 21 dicembre 2011
  • Lo evidenzia il rapporto di IBM

    Smarter city: per IBM intelligenti e autosufficienti in 5 anni

  • Recuperare l’energia sviluppata dal movimento o il calore prodotto dal nostro pc permetterà di alimentare gli edifici contribuendo a raggiungere l’autonomia energetica nei prossimi 5 anni

(Rinnovabili.it) – Il report annuale che IBM stilato ipotizzando i 5 scenari che caratterizzano il prossimo lustro quest’anno dà un importante annuncio: alla fine dei cinque anni grazie alle nuove tecnologie elencate nel documento saremo in grado di generare autonomamente tutta l’energia di cui hanno bisogno le nostre case, grazie al sostegno fondamentale delle fonti rinnovabili. Secondo l’ “IBM Five in Five” riusciremo a presto a produrre autonomamente tutta l’energia di cui le nostre abitazioni necessitano, oltre a  comunicare leggendo nel pensiero e abbattere il digital divide.

In cinque anni saremo quindi in grado l’energia domestica partendo dall’assunto che qualsiasi cosa in movimento o che generi calore sviluppa energia che può essere catturata grazie agli enormi progressi raggiunti nel campo delle rinnovabili. Camminare, correre, fare jogging, ballare o andare in bicicletta sono tutte attività che producono calore, come anche la stessa acqua che scorre nelle tubature. L’ipotesi dell’IBM è che entro 5 anni potremo utilizzare tutta questa energia cinetica e termica e impiegarla per il funzionamento dei dispositivi all’interno degli edifici sia che essi siano abitazioni, uffici, esercizi commerciali o scuole ma anche nelle città intere.

L’iniziativa Smarter Planet messa in atto dalla società nel 2008 sta quindi cercando di riuscire a trovare il modo per sfruttare al meglio il potenziale tecnologico intelligente per ottenere crescita economica e al tempo stesso efficienza energetica, sviluppo sostenibile e progresso nella società.