• Articolo Roma, 28 marzo 2018
  • L’energia al dettaglio? La compri su Amazon

  • Per la prima volta in Italia viene proposta sul Marketplace di Amazon.it un’offerta per la fornitura di energia “verde”

energia al dettaglio

 

Il mercato dell’energia al dettaglio diventa sempre più digital

(Rinnovabili.it) – Sui grandi siti di shopping online si può acquistare quasi tutto, persino la propria fornitura di luce e gas. La ricerca di digitalizzazione da parte delle utility energetiche si spinge ogni giorno più avanti con l’obiettivo di accorciare lo spazio che le separa dagli utenti. E così oggi, tra una maglietta e un libro, nel carrello delle aziende di commercio elettronico ci finisce anche l’energia al dettaglio. In Italia il progetto è in mano a E.On, la prima ad approdare con le proprie offerte per elettricità e gas su Amazon.

 

“Un nuovo passo avanti nel percorso intrapreso con l’obiettivo di rendere l’offerta energetica più accessibile, semplice e digitale”, spiega la società che da oggi fa il suo ingresso nel Marketplace del gigante dello shopping online, il servizio che consente a chiunque di vendere direttamente all’utente finale. Ai consumatori interessati la possibilità di scegliere far due offerte: Luce Verde” per la fornitura elettrica e “Gas verde” per quella del metano. L’attributo non è casuale dal memento che la società specifica che, per entrambe, si è fatto attenzione anche all’aspetto ambientale. L’elettricità è prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili e certificata da Garanzie d’origine mentre l’offerta del gas è vincolata alla piantumazione di nuovi alberi da parte di E.On.

“L’innovazione e la centralità del cliente – ha commentato Péter Ilyés, CEO di E.ON Italia – sono valori in cui crediamo fortemente: siamo certi che Amazon sia il canale giusto per ingaggiare un ampio pubblico di potenziali clienti ‘smart’ sul canale digitale che prediligono”.

 

Il gruppo rilancia dunque sul virtuale “italiano” dopo i progetti avviati nel campo della tecnologia blockchain e quelli sull’accumulo diffuso. A ottobre 2017, infatti, la società tedesca ha scambiato con l’Enel, per la prima volta, elettricità tramite una nuova piattaforma di trading digitale che utilizza la tecnologia di transazione nata con i bitcoin. Solo tre mesi più tardi ha annunciato di voler portare sul mercato italiano SolarCloud, il servizio di accumulo fotovoltaico “nella nuvola”, che permette ai produttori di energia solare di immagazzinare una quantità illimitata di elettricità su un conto energia virtuale e quindi attingervi ogni volta che vogliono.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *