• Articolo Stoccolma, 14 maggio 2019
  • Energia pulita nelle isole, verso le prime comunità energetiche

  • La Commissione europea lancia un meccanismo di sostegno per i territori insulari che intendono sviluppare progetti a base di fonti rinnovabili

isole

 

Uno studio di pre-fattibilità aiuterà la comunità energetiche a scegliere il progetto rinnovabile più adatto

(Rinnovabili.it) – Quest’anno è entrata nel vivo la Clean Energy for EU Islands Initiative, progetto comunitario per accelerare la decarbonizzazione e l’indipendenza energetica delle isole europee. A febbraio Bruxelles ha annunciato i primi 26 piccoli territori – tra cui le italiane Salina, Favignana e Pantelleria – destinati a convertirsi in comunità energetiche verdi. L’obiettivo dell’iniziativa è aiutare le isole ad auto generare la propria energia, sostenibile e a basso costo (Leggi anche Per 26 isole europee il futuro energetico verde inizia oggi).

 

Tuttavia, trovare l’approccio migliore per la transizione verso l’energia pulita potrebbe non essere un compito così semplice. Per questo motivo la Commissione Europea ha deciso di offrire assistenza diretta alla progettazione delle singole strategie di sviluppo energetico. Il nuovo meccanismo di sostegno prevede, fino alla dine di giugno 2020, l’assistenza del Clean Energy for EU Islands Secretariat per promuovere lo sviluppo di progetti individuali di energia rinnovabile ed efficienza energetica nelle comunità locali.

 

Per chi è ancora all’inizio, l’iniziativa significherà aiuto nell’identificare un progetto adatto al territorio effettuando uno studio di pre-fattibilità che includa un’analisi costi-benefici, la valutazione delle risorse per ogni tecnologia o la micro-localizzazione delle installazioni. Per i progetti con uno stato più avanzato, il Segretariato potrà supportare le isole con uno studio dettagliato sia sotto il profilo tecnico che quello finanziario.

 

Spiega Dominique Ristori, direttore generale per l’energia presso la Commissione europea: “Da sempre le comunità insulari hanno bisogno di essere straordinariamente creative e resilienti dal momento che devono poter prosperare in località remote con accesso limitato a determinate risorse. Quando queste qualità vengono applicate alla transizione dell’energia pulita, liberano una quantità enorme di soluzioni. Le lezioni apprese sulle isole possono ispirare comunità anche sulla terraferma e, a loro volta, aiutare l’UE a raggiungere i suoi obiettivi energetici e climatici più velocemente e in modo più efficace”. L’iniziativa è stata lanciata in occasione del 3° Forum sulle energie pulite per le isole UE a Stoccolma, appuntamento dedicato durante il quale le parti interessate si incontrano per discutere dei modelli di transizione e delle tecnologie chiave.

 

>>Leggi anche In Lombardia la prima comunità energetica rinnovabile alpina<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *