• Articolo Amsterdam, 27 dicembre 2017
  • Un successo la prima asta eolica senza incentivi dell’Olanda

  • Chiusa la gara per l’assegnazione dei 700MW del parco eolico offshore Hollandse Kust Zuid nei Paesi Bassi. Massimo riserbo sulle offerte

 asta eolica senza incentivi

 

Dopo la Germania anche per i Paesi Bassi un’asta eolica senza incentivi

(Rinnovabili.it) – La prossima wind farm olandese? Sarà realizzata senza alcun aiuto da parte dello Stato. Lo ha annunciato il ministro dell’Economia e della politica climatica, Eric Wiebes, al termine della prima asta eolica senza incentivi dei Paesi Bassi. Il contingente in gara è quello offerto dal progetto offshore di Hollandse Kust Zuid: 700 MW totali, divisi in due slot (area I e II), che vedranno a luce nella parte olandese del Mare del Nord. Il ministro fa sapere che nei prossimi mesi verranno valutate le offerte e a marzo 2018 sarà proclamato il vincitore. Su tutto il resto, però, il Governo preferisce mantenere il massimo riserbo. Attualmente si conoscono i nomi di sole tre società partecipanti: la svedese Vattenfall, la tedesca Innogy e la norvegese Statoil. Nessun dettaglio è stato invece fornito in merito alle offerte in gara.

 

>>Leggi anche L’eolico offshore punta alla grid parity, inizia l’Era zero incentivi<<

 

Nonostante non si conosca ancora l’esito, per l’Olanda, oggi in ritardo sui suoi obiettivi rinnovabili 2020, la prima asta eolica senza incentivi rappresenta un successo in ogni caso. “Questa è una buona notizia per la transizione energetica. Supponendo che questo processo di valutazione porti a un vincitore, costruiremo un parco eolico in mare senza sussidi. Questa è una svolta”, ha dichiarato Wiebes in una nota stampa “Dimostra anche che possiamo mantenere i costi della transizione energetica limitati se affrontiamo le cose in modo intelligente e se il mercato e il governo collaborano”.

 

>>Leggi anche La strategia climatica dell’Olanda: addio gas entro il 2050<<

 

L’attuale gara è la terza delle cinque annunciate da Amsterdam per aumentare la produzione di energia pulita a largo delle coste nazionali: l’obiettivo finale da raggiungere nei prossimi 6 anni sono circa 3.500 MW di nuova capacità dal vento. I primi 1.400 MW sono stati già assegnati nel 2016 alla società energetica danese Orsted e ad un consorzio comprendente la Royal Dutch Shell e il fornitore olandese di energia Eneco. In questo caso le sovvenzioni erano ancora presente nel pacchetto d’offerta, ma avevano subito un primo e drastico taglio.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *