• Articolo Roma, 11 maggio 2016
  • Decreto rinnovabili: bandi il 20 luglio ma il tempo è agli sgoccioli

  • Dopo l’ok della Commissione Europea il DM è tornato nuovamente all’esame dei ministeri italiani competenti per l’emanazione, attesa a giorni

 

Decreto rinnovabili: bandi il 20 luglio ma il tempo è agli sgoccioli

 

(Rinnovabili.it) – Il decreto Rinnovabili doveva essere fatto e finito più di un anno fa. Sedici mesi per la precisione, un tempo in cui si è passati dal ritardo accademico ad una vera e propria corsa contro il tempo. A far pressione sul nuovo regime incentivante le fer elettriche non c’è solo un contatore oneri ad un passo dal tetto massimo di 5,8 miliardi di euro (l’ultimo aggiornamento del GSE dava un costo cumulato degli incentivi pari a circa 5,615 miliardi di euro). Il problema principale è nelle righe stesse del provvedimento: avrà valore fino alla fine del 2016.

 

Nonostante le pressioni del settore però il Decreto rinnovabili è ancora solo una bozza. Certo ora il testo può contare sul benestare dell’Unione europea che lo scorso 29 aprile, tramite il suo organo esecutivo, ha concluso la sua valutazione: la Commissione europea ha stabilito che il nuovo schema di incentivi è conforme alle norme UE sugli aiuti di Stato. Il documento è così tornato nuovamente all’esame dei ministeri italiani competenti (Mise, Minambiente e Mipaaf) per l’emanazione.

Nell’attesa emergono alcune indiscrezioni su quelle che potrebbero essere le aggiunte dell’ultimo minuto. Secondo la bozza del DM consultata Public Policy, il testo indica il 20 luglio come la data in cui il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) dovrebbe pubblicare i due bandi per gli incentivi, ossia quello per l’iscrizione ai registri e quello per le aste. Nessuna novità sembra invece esserci per i contingenti di potenza messi a disposizione.

 

I grandi progetti con più di 5 MW di potenza installata parteciperanno a gare d’appalto specifiche per ciascuna tecnologia (PROCEDURE D’ASTA)

Per questi progetti sono messi a disposizione i seguenti contingenti di potenza:

  • Eolico onshore 800 MW
  • Eolico offshore 30 MW
  • Geotermoelettrico 20 MW
  • Solare Termodinamico 100 MW
  • Biomasse 50 MW

 

I progetti di media entità con potenza installata tra 0,5 MW e 5 MW saranno inseriti in un elenco specifico per ogni tecnologia e saranno sostenuti in base a priorità stabilite secondo determinati criteri (ISCRIZIONE AL REGISTRO)

Per questi progetti sono messi a disposizione i seguenti contingenti di potenza:

  • Eolico onshore 60 MW
  • Idroelettrico 80 MW
  • Geotermoelettrico 30 MW
  • Biomasse e biogas, gas di depurazione e gas di discarica e bioliquidi sostenibili 90 MW Oceanica (comprese maree e moto ondoso) 6 MW
  • Solare Termodinamico 20 MW

 

Rispetto alla bozza precedente tuttavia, per l’iscrizione al registro nel caso dell’idroelettrico verrà data priorità agli impianti di potenza nominale fino a 50 kW, la cui soglia passa a 250 kW se realizzati su canali o condotte esistenti senza incremento di portata derivata, nel caso utilizzino acque di restituzioni o di scarico, oppure che impieghino  il deflusso minimo vitale al netto della quota destinata alla scala di risalita, senza sottensione di alveo naturale. Questi – stando alle indiscrezioni trapelate – saranno gli unici bandi.

7 Commenti

  1. stefano
    Posted maggio 12, 2016 at 2:14 pm

    ho un impianto di biogas da 300kw come devo fare per accedere agli incentivi del nuovo decreto, e di quanto si tratta di incentivo dato che uso più del 70% di liquame

    • Claudio Giurin
      Posted maggio 12, 2016 at 5:46 pm

      Ciao Stefano
      siamo una società che si occupa oltre che di realizzare impianti di biogas anche delle relative autorizzazioni
      Se mi contatti ne possiamo parlare. Avrei bisogno di qualche specifica in più

  2. Giulio Cesoni
    Posted maggio 15, 2016 at 8:15 pm

    Come sempre l’ Italia perde tempo invece di impegnarsi in problematiche come.le energie rinnovabili, che oltre a ridurre le emissioni e l ‘inquinamento, è grande fonte di lavoro .
    Nella speranza che il nostro Stato si impegni anche su questo, teniamo duro e andiamo oltre gli stereotipi ” FOSSILI “.
    Giulio A. CESONI

  3. vergani umberto
    Posted maggio 18, 2016 at 11:45 pm

    Vorrei sapere se gli incentivi riguarderanno anche microgeneratori eolici integrabili a fotovoltaici domestici.

  4. Mario
    Posted maggio 27, 2016 at 11:33 pm

    Per Stefano.
    1. Se il tuo impianto ha il titolo autorizzativo consolidato devi iscriverlo al prossimo registro.
    2. Se rientri nel contingente di potenza elettrica messa a disposizione per il biogas/biomasse relativo all’anno 2016 (90MW) la tariffa incentivante,considerato che utilizzi il 70% in peso di effluenti zootecnici, è di 0,233 che può salire a 0,236 se connetti l’impianto entro 12 mesi dall’entrata in vigore del decreto fer.

  5. Stefano
    Posted giugno 4, 2016 at 4:35 pm

    Grazie mille per la risposta ma quando apre il registro?

  6. Davide
    Posted gennaio 7, 2017 at 11:51 am

    Come si partecipa alle aste previste dal decreto rinnovabili elettriche con potenze maggiori di 5MW?
    Sarei molto grato.

    davidenegro12@gmail.com

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *