• Articolo Dubai, 22 giugno 2012
  • Un'infrastruttura per il Mare del Nord

    Dubai realizza una piattaforma HVDC offshore da record

  • La piattaforma DolWin beta convoglierà l’energia prodotta da 240 turbine eoliche a largo delle coste tedesche per trasmetterla alla terraferma, assicurando meno dispersioni

(Rinnovabili.it) – La Drydocks World di Dubai, leader nella costruzione e progettazione di infrastrutture, ha iniziato oggi i lavori per la realizzazione della più grande piattaforma HVDC (acronimo per High Voltage Direct Current) offshore al mondo, la DolWin beta. Ogni singolo pezzo costruito a Dubai verrà poi portato fino in Norvegia, ad Haugesund, dove la piattaforma verrà assemblata e testata onshore per poi essere trainata nel Mare del Nord.

“Questo è uno dei progetti più innovativi che abbiamo avviato per sostenere il settore dell’energia eolica. Abbiamo allineato la nostra vena per gli affari con gli sviluppi del settore e siamo riusciti a conquistare uno spazio nel campo delle energie rinnovabili” ha dichiarato Khamis Juma Buamim, Chairman della Drydocks World and Maritime World.

La piattaforma a fine lavori, scadenza prevista entro il 2013, misurerà 100 metri per 74 con un’altezza di 83 metri, riceverà corrente dalle vicine centrali eoliche, e la invierà a terra tramite una rete di cavi sottomarini sempre come corrente continua, evitando le dispersioni che invece si avrebbero con quella alternata per trasmissioni di potenza su lunghe distanze. La piattaforma sarà in grado di generare una potenza di 900 MW e potrà ricevere energia elettrica dai tre parchi collegati, per un totale di 240 turbine eoliche, che eviteranno all’atmosfera oltre 3 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica all’anno.