• Articolo New York, 21 giugno 2018
  • Grazie alle batterie, eolico e fv produrranno metà dell’energia 2050

  • New Energy Outlook 2018 di Bloomberg fa luce sul futuro del mix elettrico a lungo termine: entro la metà del secolo l’energy storage si guadagnerà 548 miliardi di dollari

energia 2050

 

Uno sguardo al futuro dell’energia 2050 attraverso gli occhi di BNEF

(Rinnovabili.it) – Cosa dobbiamo aspettarci dall’energia 2050? Bloomberg New Energy Finance risponde oggi a questa domanda con un nuovo studio, frutto del lavoro di oltre 60 analisti a livello mondiale e una sofisticata modellazione dei sistemi energetici, paese per paese. Un lavoro mastodontico, riassunto nelle 150 pagine del New Energy Outlook 2018. Il report guarda lontano, fino alla metà di questo secolo, per descrivere quello che sarà il futuro del sistema elettrico mondiale. Un futuro che si riorganizzerà fisiologicamente – sottolineano gli esperti – intorno alle rinnovabili a basso costo, eliminando le fonti che non tengono il passo con il cambiamento.

Spiega l’analista Elena GiannakopoulouIl carbone emerge come il più grande perdente nel lungo periodo battuto sui costi da eolico e fotovoltaico nella produzione di elettricità, e da batterie e gas nei servizi di flessibilità”. E se il carbone si ridurrà progressivamente sino a rappresentare solo l’11% dell’energia 2050 (fronte elettrico), le FER non programmabili colmeranno gran parte del vuoto lasciato dalle fonti fossili.

 

LE ENERGIE RINNOVABILI – Gli analisti ritengono che entro la metà del secolo, eolico e fotovoltaico offriranno da soli metà della capacità mondiale di produzione elettrica. Nel complesso le green energy sono destinate fornire, per il 2050, l’87% del mix elettrico europeo, il 75% di qullo dell’India, il 62% di quello cinese e il 55% di quello USA.

Questo trend, tutto in positivo, è merito essenzialmente di due fattori: la riduzione dei costi tecnologici e la diffusione delle batterie. “Ci aspettiamo che vengano investiti circa 548 miliardi di dollari nella capacità delle batterie entro il 2050 – afferma, Seb Henbest, autore principale del New Energy Outlook 2018 – due terzi dei quali destinati agli impianti a livello di rete e un terzo per le installazioni ‘behind-the-meter’ di famiglie e imprese”. Calerà il prezzo dello storage così come, il costo livellato dell’elettricità (LCOE): per i nuovi impianti fotovoltaici dovrebbe scendere del 71% entro il 2050; per l’eolico onshore diminuirà del 58%.

 

IL GAS NATURALE – Nel contempo il settore del gas riadatterà il suo ruolo nel mix elettrico a favore della transizione energetica: secondo BNEF le centrali saranno progressivamente costruite per supportare le rinnovabili non programmabili anziché produrre il cosiddetto carico di base. Il rapporto stima che nel futuro a lungo termine, saranno investiti sino a 1.300 miliardi di dollari in nuova capacità a gas, di cui quasi la metà sarà destinata a impianti di picco (i cosiddetti “peakers”) anziché a ciclo combinato. In questo scenario tuttavia, la fonte fossile è destinata ad aumentare  il suo contributo del 15% tra il 2017 e il 2050. “Anche se avessimo smantellato tutte le centrali a carbone del mondo entro il 2035 – spiega Matthias Kimmel, analista di economia energetica presso BNEF – il settore energetico starebbe ancora seguendo una traiettoria pericolosa per il clima, bruciando troppo gas”.

 

>>Leggi anche OCI sfata il mito del gas fossile come combustibile di transizione<<

2 Commenti

  1. Leonardo
    Posted giugno 22, 2018 at 3:38 pm

    Vorrei aggiornamenti

  2. Giancarlo
    Posted giugno 22, 2018 at 9:41 pm

    Quando l’energia fotovoltaica costerà meno della idrica e del carbone gli impianti obsoleti andranno tutti fuori mercato in un istante, specialmente dove esiste il libero mercato. Tutti parlano di andamento progressivo, ma non c’è mai stato un andamento progressivo nella storia umana, ma solo opportunismo.
    Indi visto che la data in cui questo avverrà sarà il 2020-2021 vediamo cosa succede, il carbone in europa è uscito di scena, oramai si va ad esaurimento scorte, il petrolio vediamo cosa succederà appena ci saranno le auto elettriche e il riscaldamento quando sarà più conveniente l’elettrico.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *