• Articolo Londra, 4 gennaio 2019
  • Le energie rinnovabili britanniche raggiungono il massimo storico

  • Cresce l’energia pulita mentre cala la produzione di elettricità: nel 2018 il livello più basso mai raggiunto dal 1994

energie rinnovabili britanniche

 

Le energie rinnovabili britanniche forniscono il 33% del mix elettrico

(Rinnovabili.it) – Il 2018 non è stato un anno fortunato solo per le fer tedesche. Anche le energie rinnovabili britanniche hanno dato prova di saper uscire dai record giornalieri per assicurarsi una cospicua fetta del mix nazionale. A confermarlo è il sito web Carbon Brief dopo aver passato al vaglio i dati governativi sull’energia 2018. In una nota stampa pubblica ieri, gli analisti di Carbon Brief mostrano come, lo scorso anno, le fonti rinnovabili tra cui biomassa, energia idroelettrica, fotovoltaico ed eolico abbiano fornito il 33% di energia elettrica, rispetto al 29% del 2017. Si tratta di un dato record per la produzione verde britannica che solo nel 2009 contava appena il 6,7% del mix.

 

A fare da traino, i nuovi parchi eolici offshore e onshore collegati alla rete nazionale, soprattutto quelli scozzesi. Un contributo importante è arrivato anche dal comparto delle biomasse che in più di un caso hanno sostituito il carbone come fonte energetica in grandi impianti termoelettrici (è il caso, ad esempio, della centrale Drax nel North Yorkshire). Come confermano anche i dati della National Grid, la crescita delle energie rinnovabili britanniche a discapito del carbone – in calo del 25%-, ha regalato al Regno Unito non solo un picco storico di produzione elettrica sostenibile ma ha diminuito del 6,8% l’intensità di carbonio legata al comparto energia.

Il tutto in un contesto caratterizzato da alti prezzi del gas e un contributo nucleare sempre più debole (-8%) a causa dell’età degli impianti.

 

Analizzando i dati delle fer in dettaglio si scopre che nel 2018 il vento ha rappresentato il 17,4% (58 TWh) della produzione elettrica UK, il fotovoltaico il 3,8% (13TWh), mentre le biomasse sono a quota 10,7% (36TWh). A titolo di confronto il nucleare è di poco sopra al 19% e il gas al 39,4%. Allo stesso tempo il 2018 è stato caratterizzato da una forte riduzione della produzione elettrica pro-capite, in risposta ad una minore domanda, che ha permesso di risparmiare al Regno Unito fino a 103 TWh. Per Simon Evans di Carbon Brief, i nuovi dati mostrano come i britannici stiano diventando sempre più consapevoli delle loro fonti di energia “Potrebbe dipendere da una combinazione di apparecchi più efficienti, lampadine a risparmio energetico e, più recentemente, a LED. Circa 1,5 milioni di case nel Regno Unito sono alimentate da energia solare”, ha spiegato Evans dalle pagine del Guardian. “Poi ci sono supermercati che installano migliori frigoriferi o l’industria che usa pompe più efficienti. In tutte queste attività, l’efficienza è stata aumentata”. 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *