• Articolo Bruxelles, 14 ottobre 2014
  • La Commissione europea pubblica il rapporto "Subsidies and costs of EU energy"

    L’eolico? E’ più conveniente di gas, nucleare o carbone

  • La produzione energetica dei parchi eolici a terra è di gran lunga più economica rispetto a quella da fonti fossili se nella somma dei costi vengono prese in considerazione anche le spese sanitarie ed ambientali

L'eolico? E’ più conveniente di gas, nucleare o carbone

 

(Rinnovabili.it) – L’energia  prodotta dall’eolico a terra può essere economicamente più conveniente di quella ottenuta da gas, nucleare o carbone. Com’è possibile? Il “trucco” – che trucco poi non è – è semplicemente quello di fare tutti i conti, ovvero di aggiungere al costo attualizzato dell’energia anche le esternalità della tecnologia, dagli effetti sull’ambiente a quelli sulla salute delle persone. A mettere le cifre nero su bianco è Subsidies and costs of EU energy” il nuovo studio redatto da Ecofys per conto della Commissione Europa. Il report afferma che sommando anche le esternalità, il MW/h elettrico prodotto da fonte eolica on-shore avrebbe un costo di circa 105 euro, decisamente inferiore a quello calcolato per il gas (fino a 164 euro), il nucleare (133 euro) e il carbone (tra 162- 233 euro).

 

Immagine

 

Questa relazione mette in evidenza il vero costo della dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili”, ha riferito Justin Wilkes, il vice direttore generale della European Wind Energy Association (EWEA) a commento del rapporto. “Le fonti rinnovabili sono regolarmente denigrate per essere troppo costose e per rappresentare un salasso per il contribuente. Invece la relazione della Commissione europea, non solo mostra l’allarmante costo del carbone, ma presenta anche la fonte eolica come quella più economica e più rispettoso dell’ambiente”.

 

Nel dettaglio, la relazione raccoglie una serie di dati – finora mai presi in considerazione – su costi e sovvenzioni per tutte le varie tecnologie nel settore dell’energia elettrica e in tutti gli Stati membri dell’UE. I risultati del lavoro mostrano come, nel 2012, il valore totale dei sussidi pubblici nel comparto energetico (esclusi i trasporti) all’interno dell’EU28 siano stati tra i 120-140 miliardi di euro. La maggior parte di questi sono andati alle tecnologie green, in particolare solare (con 14,7 miliardi) ed eolico a terra (10.1 miliardi), seguite da biomassa (8,3 miliardi) e idroelettrico (5,2 miliardi). Tra le tecnologie convenzionali di generazione di energia è stato il carbone invece a ricevere la più grande quantità di contributi pubblici nel 2012 con 10.1 miliardi di euro, seguito da nucleare (7 miliardi) e il gas naturale (circa 5,2 miliardi). Peccato che, spiegano gli autori del rapporto le cifre non contengano anche i benefici ricevuti tramite l’assegnazione gratuita di certificati di emissione, né il sostegno fiscale per il consumo, due elementi che a conti fatti ridurre il divario tra sostegno alle rinnovabili e sostegno alle fossili.

 

Costi_MWh

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *