• Articolo Washington, 17 febbraio 2012
  • Un incentivo prossimo alla scadenza

    Eolico: Usa, senza incentivi a rischio 37mila posti di lavoro

  • Lo annuncia l’AWEA: senza l’estensione del Production Tax Credit l’eolico statunitense rischia grosso. In pericolo posti di lavoro, investimenti e produzione energetica green

(Rinnovabili.it) – L’industria eolica degli Stati Uniti avverte: sono a rischio 37mila posti di lavoro green. La AWEA, Associazione di settore che riunisce le imprese legate all’energia del vento, ha invitato il Congresso ad estendere il credito federale d’imposta riservato alla produzione di energia rinnovabile (PTC-Production Tax Credit), in scadenza a fine anno, per evitare che migliaia di persone si trovino in difficoltà, senza un posto di lavoro. L’AWEA teme infati che la PTC non sia stata inserita nella revisione della legislazione fiscale attualmente in esame al Congresso, con la prospettiva che a fine 2012 si taglino diverse migliaia di posti di lavoro con ripercussioni sullo sviluppo e la crescita dell’intero settore.

“La posta in gioco qui non potrebbe essere più chiara” ha dichiarato l’Amministratore delegato di AWEA Denise Bode. “Gli studi economici hanno dimostrato che l’inattività del Congresso sul PTC ucciderà 37mila posti di lavoro americani e farà chiudere numerosi impianti cancellando investimenti privati per miliardi di dollari. Il Congresso deve capire che, con l’incertezza per il PTC, i licenziamenti sono già iniziati e sono previste ulteriori perdite di posti di lavoro mentre anche le chiusure di impianti accelerano ogni mese man a mano che si avvicina la scadenza di dicembre”.

Attualmente negli Stati Uniti sono in costruzione 3,8 GW di capacità eolica e l’incertezza dell’estensione della Production Tax Credit ne sta rallentandone l’espansione. Per riattivare gli investimenti sarebbe quindi necessario rimettere in moto il sistema incentivante dando sia al settore pubblico che al privato la sicurezza per portare avanti progetti energetici green, che negli ultimi quattro anni  hanno dato vita ad un mercato del valore di 16 miliardi di dollari, oltre a produrre energia preziosa a basso costo e minimo impatto ambientale.