• Articolo Berna, 10 ottobre 2012
  • Installazioni possibili nel rispetto della natura, del paesaggio e degli habitat

    Eolico: la Svizzera lo installa nei boschi

  • L’Ufficio Federale dell’Energia regolamenta le modalità operative con cui i Cantoni possono procedere all’individuazione dei siti boschivi idonei all’installazione di impianti eolici

(Rinnovabili.it) – È possibile facilitare la costruzione di impianti eolici nei boschi e nei pascoli alberati? Era questa la domanda che il Consigliere agli Stati Robert Cramer ha rivolto al Consiglio federale e dalla quale è nata la volontà di redarre un rapporto, per capire le potenzialità di un intervento simile e le eventuali modalità operative. Ferma restando ad oggi l’assenza di ostacoli normativi alla installazione di impianti eolici nelle aree boschive e nei pascoli alberati, per cui non è dunque necessario modificare la legislazione vigente, il rapporto ha però evidenziato la necessità che tali installazioni rispettino comunque la protezione della natura, del paesaggio e degli habitat.

 

Nel rapporto, infatti, l’Ufficio Federale dell’Energia elvetico illustra le procedure cantonali necessarie all’autorizzazione dei dissodamenti e dei rimboschimenti compensativi legati alle operazioni di costruzione di impianti eolici; nonostante i Cantoni possano già oggi procedere nell’individuazione dei siti boschivi più idonei per la costruzione di parchi eolici, in futuro sarà necessario prendere decisioni attraverso una pianificazione attenta del territorio e prestare attenzione a tutti gli interessi in gioco. Gli obiettivi che la Svizzera si è data con la Strategia energetica al 2050 sono infatti ambiziosi e prevedono un potenziale di energia eolica pari a 4 miliardi di kWh all’anno.