• Articolo Bruxelles, 30 gennaio 2015
  • Pubblicato il report “The European offshore wind industry"

    Eolico offshore 2014, la crescita si è stabilizzata

  • Dopo le performance da record del 2013, l’industria europea dell’eolico marino rallenta. Lo scorso anno sono stati connessi alla rete nuovi 84 MW

Eolico offshore 2014, la crescita si è stabilizzata

 

(Rinnovabili.it) – L’industria dell’eolico offshore ha fatto grandi progressi in Europa, segnando nello scorso decennio record su record. Però anche per questo settore è arrivato il momento di rallentare la corsa e stabilizzare i trend di crescita. A confermare il nuovo e più pacato andamento è il rapporto “The European offshore wind industry – key trends and statistics 2014”, pubblicato oggi dall’EWEA. Il documento riassume le performance 2014 dell’energia del vento nelle acque comunitarie e ci svela come, lo scorso anno, siano state allacciate alla rete 408 nuove turbine off-shore, per un totale di 1.483 MW di nuova potenza. L’attuale capacità totale installata in Europa è così pari a 8,045 MW, distribuiti nelle 74 wind farm marine in ben undici paesi dell’Unione. Si tratta a conti fatti di una stabilizzazione rispetto alle cifre record raggiunte nel 2013, così spiegata da Justin Wilkes, vice direttore generale dell’associazione: “Non è sorprendente assistere ad un livellamento degli impianti. Il settore è cresciuto in maniera esponenziale nella prima parte di questo decennio e questa è una naturale stabilizzazione di tale progresso. L’eolico offshore avrà una parte monumentale da svolgere nel programma di sicurezza energetica dell’UE, ma è solo la volontà politica che aiuterà l’Europa sbloccare il suo potenziale marino”.

 

Oltre la metà di tutti i nuovi impianti istallati nel 2014 sono merito del Regno Unito (54,8%). Al secondo posto della classifica appare la Germania (35,7%) e al terzo il Belgio (9,5%). Tuttavia, gli autori del rapporto prevedono che per quest’anno sia la nazione teutonica a riconquistare il primo posto sul podio dell’energia del vento in mare aperto. “La Germania  – ha proseguito Wilkes – è pronta ad invertire il trend di quest’anno. Il Regno Unito ha una capacità installata in mare aperto maggiore rispetto a tutto il resto del mondo messo insieme, ma ora anche altri paesi dell’Unione Europea si stanno dimostrando interessati ad investire seriamente nel settore”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *