• Articolo Pechino, 21 gennaio 2019
  • In Cina l’eolico offshore è pronto a spiccare il volo

  • Il governo cinese dà il via libera alla costruzione di 24 fattorie eoliche in mare aperto e parte alla rincorsa dell’industria eolica europea

eolico offshoe cina

 

Pechino approva 6,7 GW di nuovo eolico offshore da realizzare nella provincia di Jiangsu

(Rinnovabili.it) – Ventiquattro nuovi impianti per un investimento totale di circa 18 miliardi di dollari. Così la Cina parte all’inseguimento dell’eolico offshore europeo. Secondo quanto riferito in questi giorni dai media locali, il governo cinese ha approvato una nuova tranche di progetti con cui alzare la capacità eolica marina nazionale. Si parla di una potenza complessiva di 6,7 GW che dovrebbero vedere la luce entro la fine del 2020 a largo della provincia di Jiangsu. In queste acque, infatti, lo Stato ha avviato un ambizioso piano di sviluppo energetico, ribattezzato la “Tre Gole sul mare” in riferimento al gigantesco progetto idroelettrico Tre Gole sul fiume Azzurro; l’obiettivo è installare 10 GW di eolico offshore destinando la produzione ai molteplici centri economici localizzati vicino alla costa.

 

>>Leggi anche Cina, finanziamenti a eolico e solare solo se meno costosi del carbone<<

 

Tuttavia il Paese si trova oggi di fronte ad una sfida tecnica non indifferente. Dopo un periodo di relativa rilassatezza tra il 2008 (anno del primo progetto offshore nazionale) al 2016, la Cina ha accelerato gli sforzi sul segmento. Al punto da essere, oggi, il terzo produttore di energia eolica offshore, dietro a Regno Unito e Germania. Questo boom nello sviluppo ha regalato alla Nazione oltre 2 GW di capacità verde in meno di due anni, ma ha anche portato allo sfruttamento della maggior parte dei siti papabili per le wind farm marine entro i 10 km dalla costa.

 

Per aumentare ulteriormente la capacità installata e raggiungere l’obiettivo del 2020, la Cina sta esplorando aree più lontane, che richiedono tuttavia nuovi progetti infrastrutturali per la trasmissione dell’energia alla terra ferma. In questo contesto, i tradizionali cavi sottomarini ad alta tensione (HVAC) devono lasciare il passo ai sistemi a corrente continua HVDC offshore, più efficienti nella trasmissione energetica su lunghe distanze. I primi progetti in questo senso si stanno già attivando. Huadong Engineering Corporation sta progettando un innovativo parco eolico offshore da 1,1 GW a circa 90 km al largo delle coste di Jiangsu e sarà la prima centrale dotate di un sistema HVDC in mare aperto.

 

>>Leggi anche L’Asia orientale parte alla conquista dell’eolico offshore<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *