• Articolo Bruxelles, 15 giugno 2018
  • Global Wind Day, una giornata per festeggiare il successo dell’eolico

  • Oggi il settore ha superato i 530 GW di capacità totale installata in tutto il mondo e il milione di persone impiegate

Global Wind Day

(Foto di WindEurope)

 

Global Wind Day 2018, tanti auguri all’energia del vento

(Rinnovabili.it) – Da tecnologia di nicchia a opportunità di crescita globale: l’energia eolica ne ha fatta di strada da quando lo scozzese James Blyth realizzò, nell’estate del 1887, il primo rudimentale aerogeneratore. Oggi il settore ha superato i 530 GW installati in tutto il mondo e il milione di persone impiegate, divenendo la principale fonte di nuova generazione elettrica in Europa. Per festeggiare questa storia di successo WindEurope e Global Wind Energy Council (GWEC) organizzano annualmente la Giornata Mondiale del Vento, il Global Wind Day. L’evento, che cade ogni 15 giugno, offre un momento per riflettere sui risultati raggiunti dal comparto eolico e le prospettive future.

In questi anni l’industria del vento ha portato benefici in molte regioni del mondo, comprese quelle che dipendono dalla produzione tradizionale. Le aree di costruzione navale, ad esempio nel nord della Spagna e nel nord della Polonia, ora producono torri, fondazioni, gru e sistemi per l’installazione delle turbine offshore. Anche le economie alimentate dal petrolio e dal gas ne stanno beneficiando: il Nuovo Messico, d esempio, ha investito nel comparto 2,4 miliardi di euro e negli Stati Uniti in generale le figure tecniche legate all’eolico sono uno dei lavori in più rapida crescita.

 

Dopo un anno record di installazioni nel 2017, l‘Europa ha raggiunto una capacità installata totale di 169 GW. Il vento ora fornisce il 12% dell’elettricità nel Vecchio Continente con picchi in Danimarca (44%) e in Germania (22%). A livello globale ora sono installati 539 GW di energia eolica. “L’energia eolica onshore è ora la forma più economica nella nuova produzione elettrica in gran parte dell’Europa – spiega Giles Dickson, CEO di WindEurope – e l’offshore non è molto più indietro con costi; costi che sono scesi di oltre il 60% in tre anni. Ora è più facile ed economico integrare l’energia del vento nel sistema energetico”. Il cambiamento delle normative nei principali mercati europei farà del 2018 un anno di consolidamento per il settore che tornerà a crescere in maniera esponenziale, a livello globale, nel 2019.

 

>>Leggi anche Il mercato dell’eolico offshore globale toccherà i 115 GW nel 2030<<

 

In occasione del Global Wind Day 2018, il GWEC aggiorna i suoi dati e annuncia che il mercato eolico supererà i 60 GW di nuova capacità aggiunta l’anno nel 2020, raggiungendo un totale di 840 GW entro il 2022. “Abbiamo un nuovo mercato in forte espansione in Argentina, un ritorno di fiamma in Sud Africa e il Messico pronto ad accelerare”, ha commentato il segretario generale del GWEC Steve Sawyer. E mentre l’Europa rimane il leader mondiale nell’energia eolica, nuovi territori in tutto il mondo stanno facendo enormi passi avanti per sbloccare il loro potenziale, a partire da Russia, Vietnam e persino Arabia Saudita.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *