• Articolo Amsterdam, 30 novembre 2016
  • Incentivi alle rinnovabili: l’Olanda rimpolpa il budget

  • Per non mancare gli obiettivi climatico-energetici del 2020, il ministero olandese dell’Economia annuncia un aumento del 33% nel bilancio 2017 dedicato ai progetti rinnovabili

Incentivi alle rinnovabili: l’Olanda rimpolpa il budget

 

(Rinnovabili.it) – L’anno 2020 è ormai prossimo, e con un ritardo non indifferente sugli obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni imposti dalla UE, l’Olanda ha deciso d’accelerare sulla produzione di energia pulita. Il Governo ha proposto oggi un aumento del 33% nel budget annuale dedicato al sostegno dei progetti energetici a base di fonti rinnovabili. In una lettera inviata al Parlamento, il Ministro delle Finanze Henk Kamp spiega che il Governo è intenzionato a portare il bilancio 2017 dello schema SDE+ (il regime degli incentivi alle rinnovabili olandesi) a quota 12 miliardi di euro, tre miliardi in più rispetto al 2016 e addirittura 8.5 miliardi oltre il budget dello scorso anno.

 

Gli incentivi concessi sotto il regime SDE+ sono sovvenzioni al funzionamento: i produttori ricevono una compensazione finanziaria per l’energia rinnovabile che generano, calcolata sulla differenza tra il prezzo di costo delle energia rinnovabile e quello delle fonti fossili (componente non redditizia). SDE + compensa i produttori per questa componente non redditizia, per un determinato numero di anni e a seconda della tecnologia utilizzata. Questo rende il livello del contributo SDE dipendente dagli sviluppi dei prezzi dell’energia.

 

L’anno prossimo il cosiddetto importo di base massimo per il quale la sovvenzione può essere richiesta sarà però ridotto, passando dagli 0,15 per kilowattora del 2016 a 0,13 euro per kilowattora del 2017. Scelta che va incontro ai minori costi delle tecnologie verdi moderne.

Dal regime di incentivi rimarrà fuori l’eolico offshore, che avrà invece aste separate: le prime gare del 2017 riguarderà due lotti del progetto off-shore Hollandse Kust. Il parco fa parte di un piano di sviluppo più ampio, presentato dal Governo dei Paesi Bassi che prevede la costruzione in totale di cinque grandi parchi eolici marini. Uno di questi, è quello aggiudicato dalla Dong a Borssele, al prezzo record di 7,27 centesimi per chilowattora (escluse le spese di connessione per TenneT di 1,4 centesimi per chilowattora).

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *